In Umbria sono in corso le riprese di “L’età giusta”: ecco tutti i dettagli 

In Umbria sono in corso le riprese di “L’età giusta”: ecco tutti i dettagli 

Sono in corso in Umbria le riprese di “L’età giusta”, commedia diretta da Alessio Di Cosimo (già autore di corti premiati e documentari quali Barber Ring e Come un Padre) e interpretata da Valeria Fabrizi, Alessandro Bertoncini, Gigliola Cinquetti, Giuliana Loiodice, Paola Pitagora, Giuseppe Pambieri Iole Mazzone. I primi giorni di riprese si tengono nella zona di Narni, ambientati all’interno della Tenuta Fogliani, alla Cascata delle Marmore, alle Gole del Nera e alla Chiesa di Treie, mentre a maggio il set si sposta nella zona di Todi, dove saranno girati gli esterni nel Centro Storico, al Cimitero Nuovo, nell’RSA – Istituto per inabili al lavoro Veralli Cortesi e alla Cantina Todini. Due giorni di riprese saranno quindi ad Assisi, dove verrà realizzato il finale del film con riprese di fronte all’Abbazia di San Francesco e dell’Abbazia di Santa Chiara.L’ottantacinquenne Francesca ha un problema: suo nipote Alessandro, che di anni ne ha 27 e a cui ha fatto da madre e da padre dopo la morte dei genitori, non ha ancora trovato il suo posto nel mondo e non si decide a crescere. In più, una pseudo-fidanzata senza scrupoli gli sta soffiando sotto al naso la casa che Francesca gli ha lasciato in eredità, quando si è ritirata in una casa di riposo. La soluzione per risolvere il problema le viene da un’idea strampalata lanciata da una delle sue compagne della residenza per anziane: smascherare una truffa sentimentale ai danni di una terza amica, vendicando così lei e tutte le donne che subiscono raggiri di questo tipo. Coinvolgere suo nipote in questa avventura può essere la cura shock di cui il ragazzo ha bisogno. Arruolata una quarta compagna d’avventura (che non ci sta troppo con la testa), le quattro arzille ottantenni partono con il ragazzo per un fine settimana dove nulla andrà come previsto. La fine del viaggio sancirà il passaggio di Alessandro all’età adulta e restituirà a Francesca e alle sue amiche lo spirito giusto per realizzare ancora progetti, nonostante l’età. A volte, per insegnare a qualcuno a volare, più che di una spintarella è necessario un bel calcio!

Leggi anche –> Sette giorni, ecco le anticipazioni di sabato 6 maggio

“Sarà un road movie – svela il regista Alessio Di Cosimo –  il pulmino rubato a una casa di riposo scarrozzerà le quattro anziane in giro per le strade d’Italia. L’emozione principale del film sarà la Tenerezza. Alterneremo scene di forte intensità recitativa, quasi drammatica, a scene molto divertenti create da situazioni paradossali come l’arresto da parte della polizia in autostrada dopo che le “nonnine” avranno bruciato una busta piena di marijuana. Cercherò di dare un taglio alle inquadrature tale da lasciare molta libertà di movimento e recitazione agli attori, utilizzando piani-sequenza molto lunghi. Al montaggio si cercherà di fare meno tagli possibile, per dare continuità alle scene, a eccezione dei primissimi piani, che andranno a risaltare le rughe e gli occhi delle signore protagoniste”.“L’intenzione – sottolinea Di Cosimo – è quella di riproporre, con tutto il rispetto del caso, il genere della Commedia all’italiana che ci ha resi famosi in tutto il mondo”.Il film è finanziato dal MIC DGCA secondo l’Avviso pubblico di sostegno alle imprese audiovisive “POR- FESR 2014-2020 Asse3 – Azione 3.2.1 – Avviso Film Fund 2021”. Il film è prodotto da 102 Distribution, Settembre Produzioni, CD Cine Dubbing, An.tra.cine e Well Enough Film in collaborazione di Rai Cinema. Si è avvalso del supporto di Umbria Film Commission.partner istituzionali sono il Comune di Todi, il Comune di Narni e il Comune di Terni, che ha concesso gratuitamente l’occupazione di suolo pubblico alla cascata delle Marmore. Tra i partner privati confermati a oggi: Resort del Castello di Antognolla, Cantina Todini, Marcangeli Giunio S.r.l. e Tenuta Fogliani Resort & Natural Spa, struttura ricettiva particolarmente curata per coccolare e far conoscere le tradizioni e le culture dell’Umbria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi