Guerra Russia-Ucraina, Mattarella convoca il Consiglio Supremo di Difesa

Guerra Russia-Ucraina, Mattarella convoca il Consiglio Supremo di Difesa

Guerra Russia-Ucraina, Mattarella convoca il Consiglio Supremo di Difesa. Zelensky: rottura delle relazioni diplomatiche con la Russia

La situazione sul fronte Russo-Ucraino peggiora di ora in ora. Sono momenti convulsi, in cui le notizie rimbalzano e si accavallano, mentre cresce la preoccupazione e la paura della popolazione. A Kiev, capitale dell’Ucraina, si registrano colonne di auto che hanno intasato le principali via di comunicazione, nella speranza di poter lasciare la città quanto prima.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con la Russia: «Questa è stata una mattinata tristemente storica. Siate pronti a sostenere la vostra nazione». Zelensky avrebbe tentato un ultimo contatto con Putin, ma in cambio avrebbe ottenuto il silenzio. Il ministro della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov, ha dichiarato che il Paese «sta passando alla modalità di difesa completa».

Leggi anche: SCOPPIATA LA GUERRA TRA RUSSIA E UCRAINA. ECCO LE REAZIONI DEI PAESI

L’attuale situazione preoccupa i Paesi europei, ma anche quelli aderenti alla Nato, soprattutto dopo le dichiarazioni di Putin, riportate dal Corriere della Sera. «Ho preso la decisione di un’operazione militare. L’operazione militare russa mira a proteggere le persone e le circostanze richiedono un’azione decisiva dalla Russia», ha detto Putin. Chiaramente il leader di Mosca ha detto “reagiremo” a chiunque avesse intenzione «di interferire nelle operazioni» militari che mirano «a proteggere le persone e le circostanze richiedono un’azione decisiva dalla Russia».

Poi si rivolge chiaramente alla Nato: «un’ulteriore espansione e il suo uso del territorio dell’Ucraina sono inaccettabili». E aggiunge: «alle nostre proposte, abbiamo costantemente affrontato o cinici inganni e bugie, o tentativi di pressioni e ricatti». Infine, Putin ha detto di avere intenzione di «smilitarizzare e de-nazificare» l’Ucraina, invitando i soldati ucraini a deporre le armi e a tornare a casa.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato il Consiglio Supremo di Difesa, al Palazzo del Quirinale, per oggi, 24 febbraio 2022, alle ore 16.30. Il Consiglio è presieduto dal Capo dello Stato ed è composto dal Presidente del Consiglio dei ministri, dai Ministri per gli affari esteri, dell’interno, dell’economia e delle finanze, della difesa e dello sviluppo economico e dal Capo di stato maggiore della difesa.

Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania, come si legge sempre sul Corriere della Sera, hanno invocato l’articolo 4 del trattato Nato secondo cui si avviano le consultazioni in caso di minaccia alla sicurezza di uno dei membri dell’Alleanza atlantica.

Il Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ambasciatore Ettore Francesco Sequi, ha convocato questa mattina su istruzioni del Ministro Luigi Di Maio l’Ambasciatore della Federazione Russa presso la Repubblica Italiana, Sergey Razov.

L’Ambasciatore Sequi ha espresso al diplomatico russo la ferma condanna del Governo italiano per la gravissima, ingiustificata e non provocata aggressione di Mosca ai danni dell’Ucraina, che costituisce una chiara e netta violazione del diritto internazionale.

Fonte immagini: https://twitter.com/wallsmeb/status/1496774393015541760/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi