Greta Beccaglia, Daspo per il suo molestatore Andrea Serrani

Dopo le scuse intanto è arrivato il provvedimento

Andrea Serrani, molestatore della giornalista Greta Beccaglia è stato condannato alla Daspo dal questore di Firenze.

Sono state ore concitate per l’uomo reo di aver tastato in diretta tv, fuori dallo stadio, la giornalista impegnata nel suo lavoro.

Andrea Serrani, ristoratore di Chiaravalle e tifoso dei Viola, non potrà mettere piede allo stadio Artemio Franchi di Firenze per tre anni a partire da oggi (giornata di Fiorentina – Sampdoria).

Questo per il momento sembra però l’ultimo dei problemi per Andrea Serrani. L’uomo nella giornata di ieri, 29 novembre, è stato infatti denunciato dalla giornalista di Viola Tv.

Il ristoratore è ora indagato dalla Procura di Firenze per una indagine che parla del reato di violenza sessuale.

Leggi anche: Greta Beccaglia risponde alle scuse del suo molestatore: “Non è una goliardia”

La Beccaglia non è intenzionata a ritornare sui suoi passi come ha detto prima a “La Zanzara” e poi a Radio 105.

Ma io porto avanti la mia battaglia perché le scuse non le accetto. La mia denuncia ha denunciato il suo gesto, ma anche il gesto di tante altre persone che erano lì presenti. Porto avanti questa battaglia per tutte quelle ragazze che subiscono a telecamere spente giorno“.

Andrea Serrani, parla l’avvocato

Il legale di Serrani, Roberto Sabbatini, legale di Serrani, ha sottolineato che “è molto dispiaciuto, non dorme da due notti e la prima cosa che mi ha chiesto è di mettermi in contatto con la giornalista”. 

L’uomo ha infatti chiesto pubblicamente scusa alla giornalista di Viola Tv e si dice pentito del suo gesto

Il gesto che ha fatto è su tutte le Tv e i social, l’abbiamo visto tutti – prosegue il legale -, ma per come conosco Serrani è stato sempre rispettoso delle donne, è un imprenditore, un padre di famiglia”. Come ha spiegato il suo gesto? “Mi ha detto che nelle sue intenzioni non voleva essere un approccio o un’allusione sessuale e neanche un’offesa. Sono errori che si fanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi