Grande Fratello VIP 7, la vittoria di Nikita Pelizon e di Alfonso Signorini: è boom di ascolti

Nikita Pelizon vince la 7ma edizione del Grande Fratello VIP e Alfonso Signorini conquista il piccolo schermo con picchi di share del 51.52%

L’ultimo atto del Grande Fratello VIP 7 saluta il grande pubblico con numeri da capogiro.

La 45ma puntata del reality show condotto da Alfonso Signorini è infatti leader indiscussa della serata con il 24.53% di share e picchi del 51.52% al momento della proclamazione di Nikita Pelizon, vincitrice della 7ma edizione del programma.

La modella Triestina si aggiudica quindi il primo posto sul podio, ma a vincere una delle edizioni più longeve di sempre è il conduttore Alfonso Signorini che durante i sei mesi di programmazione del reality show ha saputo intrattenere il pubblico del piccolo schermo e i milioni di utenti social fidelizzando, puntata dopo puntata, spettatori multi generazionali e addicted del programma.

Grazie alla meticolosa selezione dei concorrenti, il cast scelto da Alfonso Signorini per il Grande Fratello VIP 7 sembra aver abbracciato molteplici fasce di pubblico – dalla Generazione Z ai Boomers – posizionandosi tra i più apprezzati delle edizioni condotte dal giornalista e Direttore di Chi.

Boom anche sui social network e sul web

Complessivamente su Twitter, Facebook e Instagram, il programma ha generato 1.200.000 di interazioni totali. In particolare, l’hashtag #GfVip ha raggiunto il primo posto dei Trend Topic in Italia e nel mondo.

Le parole del Direttore di rete Giancarlo Scheri:

«Grazie al grande lavoro di Alfonso Signorini, e a quello delle squadre autoriali e produttive EndemolShine Italy e Mediaset, anche quest’anno “Grande Fratello VIP” si è concluso con un grande successo di pubblico. A tutti, in particolare ad Alfonso, alle opinioniste Orietta Berti e Sonia Bruganelli, e al regista Alessio Polacci, va il plauso di Canale 5 per l’impegno e l’entusiasmo dedicato alla realizzazione di uno show, che appassiona ed è sempre al centro della conversazione mediale».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.