Giungla digitale: arriva lo stop dei baby influencer (contro i genitori che li sfruttano)

Dopo la Francia, anche in Italia potrebbe arrivare lo stop ai baby influencer nella giungla digitale 

L’esposizione dei bambini sui social potrebbe avere ormai i mesi contati. Dopo la Francia, anche l’Italia potrebbe dire no ai baby influencer. Da Fratelli d’Italia al Partito Democratico passando per Azione: il fronte parlamentare si sta muovendo per nuove regole che tutelino i minori sui social, che sempre più spesso sono usati dai genitori per produrre contenuti e monetizzare sulle piattaforme.

“Disposizioni per la tutela dei minori nella dimensione digitale” è il titolo del ddl che è stato presentato a Palazzo Madama dalla senatrice di Fdi Lavinia Mennuni. E non solo: un testo analogo è stato depositato alla Camera dalla dem Marianna Madia.

leggi anche–> Fidanzati morti a Secondigliano, il padre di Vincenzo trovato morto in garage

La bozza sulla quale si stanno apportando le ultime modifiche si compone di sei articoli. In primis punta a verificare l’età dell’utente. L’articolo 5 del ddl prescrive: “bambini che sin dall’età di tre, quattro, cinque anni vengono utilizzati per la promozione di prodotti e servizi – spesso destinati ad altri coetanei – attraverso le grandi piattaforme di condivisione video e social network”. In questo caso il ddl stabilisce che “la diffusione, non occasionale, dell’immagine di un minore di sedici anni attraverso un servizio di piattaforma online” è soggetta “all’autorizzazione di chi ne esercita la responsabilità genitoriale o ne è tutore, nonché della direzione provinciale del lavoro”, nel caso in cui la diffusione dell’immagine del minore produca o sia finalizzata a produrre “entrate dirette o indirette superiore ai 12mila euro all’anno”. Inoltre, “quando le entrate dirette e indirette derivanti dalla diffusione dei contenuti” superano 12mila euro all’anno, i proventi percepiti “a partire dalla data di superamento di tale soglia sono versate su un conto corrente intestato al minore protagonista dei contenuti e non possono essere utilizzate in nessun caso da chi esercita la responsabilità genitoriale sul minore salvi eventuali casi di emergenza che può essere utilizzata nell’esclusivo interesse del minore, in entrambi i casi previa autorizzazione della competente autorità giudiziaria minorile”, si legge ancora nella bozza del disegno di legge riportata da Today. 

Infine, il sesto articolo istituisce il numero emergenza infanzia 114.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi