Gaza, approvata senza veto Usa la risoluzione Onu sulla tregua

Gaza, approvata senza veto Usa la risoluzione Onu sulla tregua

Gaza, approvata senza veto Usa la risoluzione Onu sulla tregua. La reazione di Israele e di Hamas

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato ieri la risoluzione in cui si chiede un «cessate il fuoco immediato per il mese del Ramadan che conduca poi a uno durevole e sostenibile» e «il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi». La risoluzione sottolinea anche «l’urgente necessità di espandere il flusso di assistenza umanitaria e rafforzare la protezione dei civili nell’intera Striscia».

Per la prima volta gli Usa non hanno posto il veto.  La risoluzione dice anche altre cose che non piacciono allo Stato ebraico, parlando di rispetto degli obblighi «del diritto internazionale in relazione a tutte le persone detenute» e «deplora» gli attacchi contro i civili e gli atti di terrorismo.

Lo scopo è quello di garantire la distribuzione di cibo nella Striscia per evitare la denutrizione che sta mettendo in pericolo la vita di due milioni di persone. Per l’ambasciatrice francese è «finito il silenzio assordante dell’Onu», Israele però ha reagito a muso duro. Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha dichiarato che «Israele non ha il diritto morale di fermare i combattimenti mentre degli ostaggi sono ancora in mano ad Hamas. Opereremo contro i terroristi ovunque, inclusi i luoghi dove non siamo ancora stati».

Leggi anche: Il Viminale alza l’allerta terrorismo in vista delle Festività pasquali

Mentre, Netanyahu ha detto che il «mancato veto americano è una chiara retromarcia» rispetto alle posizioni precedenti di Washington. Il movimento di Hamas ha informato i mediatori che il movimento si attiene alla sua posizione e visione presentata il 14 marzo perché la risposta dell’occupazione non ha risposto a nessuna delle richieste fondamentali del nostro popolo e della nostra resistenza: un cessate il fuoco completo, il ritiro dalla Striscia di Gaza, il ritorno degli sfollati e un vero scambio di prigionieri”. Lo scrive l’organizzazione su Telegram. “Il movimento ribadisce che Netanyahu e il suo governo estremista hanno la piena responsabilità di aver vanificato tutti gli sforzi negoziali e di aver ostacolato il raggiungimento di un accordo fino ad oggi”.

Foto di <a href=”https://pixabay.com/it/users/hosnysalah-10285169/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=6303911″>hosny salah</a> da <a href=”https://pixabay.com/it//?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=6303911″>Pixabay</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.