Filippo Turetta oggi sarà in Italia. Bruzzone: “è un narcisista covert”

Giulia e Filippo scomparsi, lo zio della ragazza li hanno visti litigare

Filippo Turetta oggi sarà estradato in Italia. Roberta Bruzzone ne traccia il profilo psicologico: “è un narcisista covert”

Filippo Turetta oggi torna in Italia, dovrebbe arrivare a Venezia intorno alle 12.30 con un volo di Stato. Attualmente si trova nel carcere tedesco di Halle. Una volta in Italia dovrebbe essere recluso in un carcere con una struttura per protetti, a Verona. Probabilmente sarà in cella da solo e sorvegliato a vista h24.

Nei prossimi giorni dovrà affrontare l’interrogatorio di garanzia con il gip di Venezia. Intanto, si rafforzerebbe l’ipotesi della premeditazione: il giovane avrebbe acquistato in anticipo lo scotch utilizzato nell’aggressione a Giulia Cecchettin. La difesa starebbe valutando un’istanza di perizia psichiatrica.

In una recente intervista rilasciata a Il Messaggero, la criminologa Roberta Bruzzone ha tracciato il profilo psicologico di Filippo Turetta. Secondo la specialista, Turetta è un narcisista covert: “È la maschera che lui indossava, perché aveva capito che era un modo efficace per tenere agganciata Giulia. Ma in realtà lui non è mai stato quella persona. Probabilmente Giulia l’ha visto veramente fino in fondo solo quella sera”.

Leggi anche: Donna picchiata dal marito per aver preso le difese di Giulia Cecchettin

Poi specifica la Bruzzone: “Ci sono diversi modi in cui la patologia narcisistica può manifestarsi. Ci sono quelli un po’ più evidenti: quelli arroganti, che sono convinti di essere i migliori del mondo. E poi ci sono quelli più subdoli, quelli passivo aggressivi, quelli coperti o covert. Che hanno invece lo stesso Sé grandioso, ma temono terribilmente il fallimento. Quindi lo tengono un po’ più custodito, un po’ più nascosto”. Questi ultimi “si travestono da ragazzi per bene, apparentemente molto dimessi, molto tranquilli, finché va tutto come dicono loro”. Nel caso di Turetta “il problema non è la fine della relazione, ma la laurea. Quella era del traguardo pubblico che lui non aveva varcato”.

Sulle dichiarazioni di Turetta, che avrebbe tentato di uccidersi, ha detto Bruzzone: “Non ha mai avuto intenzione di uccidersi. Tanto è vero che, quando ne avrebbe avuto ben donde, non l’ha fatto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi