Dopo i successi di Tokyo “Il Circolo degli Anelli” torna con uno speciale

Il programma condotto da Alessandra De Stefoni

“Il Circolo degli Anelli” è stata la trasmissione rivelazione dell’estate sportiva costellata dai successi italiani.

Il talk in onda su Rai Due, condotto da Alessandra De Stefano (che ha preso il posto di  Enrico Varriale alla direzione di Rai Sport) torna questa sera, 21 dicembre, con uno speciale

Un appuntamento richiesto a gran voce dal pubblico che apprezzato un programma dedicato agli altri sport.

Una puntata che potrebbe essere il preludio a un nuovo programma, appuntamento magari fisso o show ottimale per accompagnare i Giochi Olimpici invernali di Pechino 2022.

La rete generalista, che però non aveva l’esclusiva di Olimpiade e Paralimpiade di Tokyo, ha saputo ricavare il massimo da quello che aveva, tirando fuori un prodotto ben confezionato con focus e attenzione su tutti gli sport.

https://twitter.com/destefanoaless/status/1426830213896458242?s=20

I protagonisti de “Il circolo degli anelli”

Insieme alla De Stefano, c’erano anche due leggende dello sport Jury Chechi, ex signore degli anelli e l’ex nuotatore azzurro, Domenico Fioravanti.

La terza leggenda, merita forse un capitolo a parte. “Il Circolo Degli anelli” ha infatti avuto il pregio di comprender il potenziale di Sara Simeoni.

L’ex atleta di salto in alto è stata la vera e propria rivelazione e ha conquistato il grande pubblico. Non a caso la Simeoni è riapparsa in tv anche per “Quelli del lunedì” con Luca e Paolo e Mia Ceran.

Ora, quindi, il pubblico chiede, anzi lo fa da mesi che tornino tutti questi personaggi e giornalisti che sono riusciti a dar spazio, in prima serata, ai cosiddetti “altri sport”.

La risposta ottimale, alle richieste, si chiama quindi “Circolo Degli Anelli”.

Leggi anche: Fenomeno tv Sara Simeoni: l’ex azzurra spopola sui social

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.