Condannato il gioielliere che sparò ai suoi rapinatori

Condannato il gioielliere che sparò ai suoi rapinatori

Condannato il gioielliere che sparò ai suoi rapinatori uccidendoli. Dovrà scontare 17 anni di carcere per il duplice omicidio

Il 28 aprile 2021, il gioielliere Mario Roggero, 68 anni, di Gallo d’Alba, frazione di Grinzane Cavour, in provincia di Cuneo, si trovava nel suo negozio quando è stato aggredito da tre rapinatori. I banditi, armati di pistole, hanno costretto Roggero a consegnare la refurtiva e hanno cercato di fuggire. Il gioielliere è riuscito a prendere una pistola dalla cassaforte e ha sparato ai rapinatori, uccidendone due e ferendo gravemente un terzo.

I due rapinatori uccisi sono stati identificati come Emanuele Di Marco, 22 anni, di Torino, e Francesco Pio Romano, 20 anni, di Napoli. Il terzo rapinatore, Francesco Pio Gentile, 20 anni, di Napoli, è stato arrestato e condannato a 12 anni di carcere. Roggero è stato arrestato e accusato di duplice omicidio volontario e tentato omicidio. Il processo si è aperto il 20 dicembre 2021 e si è concluso il 20 ottobre 2023 con la richiesta di condanna al carcere da parte del procuratore Davide Greco. La sentenza è arrivata oggi e lo ha condannato a 17 anni di carcere.

Leggi anche: Rapina a portavalori, scene da Far West sull’A4

La vicenda del gioielliere Mario Roggero ha suscitato un forte dibattito in Italia. Da un lato, c’è chi sostiene che Roggero abbia agito in legittima difesa, temendo per la sua vita. Dall’altro lato, c’è chi ritiene che Roggero abbia esagerato, uccidendo i due rapinatori. alla lettura della sentenza, Mario Roggero ha commentato: «Viva la delinquenza, viva la criminalità».

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=749740627195488&set=pb.100064786716419.-2207520000&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.