Chi è Stella, la figlia del giornalista Franco Di Mare?

Chi è Stella, la figlia del giornalista Franco Di Mare

Chi è Stella, la figlia del giornalista Franco Di Mare, morto a 68 anni a causa di un mesotelioma

Poche sono le notizie su Stella Di Mare, la figlia di Franco Di Mare, il giornalista scomparso ieri a causa di mesotelioma. Della giovane si hanno poche informazioni, vive lontana dai riflettori e nella totale privacy. Di lei non si hanno tracce di profili social.

Pochissime le apparizioni pubbliche, delle poche che si conoscono solo accanto al padre in qualche evento pubblico. Tuttavia, conosciamo qualche informazione sulla giovane proprio grazie a Franco Di Mare che nei suoi libri e interviste ha raccontato dell’incontro con la figlia adottata a Sarajevo.

Si sa che è laureata in Economia e che ha circa 33 anni. Il padre aveva così raccontato il loro primo incontro: “Ero a Sarajevo e una bomba si è abbattuta su orfanotrofio. Incrocio gli occhi di una bambina e ci capiamo subito. Avevo trentacinque anni ed ero in un momento particolare della mia vita, Stella mi ha salvato”.

Poi: “È mia figlia, sì. Era slava, ricordo che era l’unica che si vedeva perché gli altri bambini erano impauriti e con gli occhi sgranati. Chiesi all’operatore di riprenderla, mi ha spezzato il cuore e adesso siamo qua”.

Leggi anche: Franco Di Mare: nessuna camera ardente, il matrimonio con Giulia due giorni prima di morire

“Lei aveva 10 mesi quando l’ho adottata. Tutti mi chiedevano perché l’avevo fatto. Io ero inviato in guerra nel 1992 a Sarajevo e non sono io che ho scelto lei, ma lei ha scelto me. Aveva i capelli bruni in un mare di bambini biondi, era l’unica che sorrideva e io l’ho presa in braccio, lei mi ha abbracciato e questa cosa mi ha turbato. L’operatore se ne accorse, mi chiese che cosa fosse successo. Io dissi: ‘Voglio portarla via’. Non è stato facile”, ha aggiunto il giornalista.

In una intervista a Famiglia Cristiana parlava così di Stella: “Lei è equilibrata, certamente più matura di molte ragazze della sua età, più paziente di tante sue coetanee e forse anche di me”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi