Cgil e Uil, sarà sciopero generale: “Manovra è contro i giovani e le donne”

Cgil e Uil, sarà sciopero generale Manovra è contro i giovani e le donne

Cgil e Uil, sarà sciopero generale: “Manovra è contro i giovani e le donne”. Annunciate 8 ore di sciopero per il prossimo 16 dicembre

Le due sigle sindacali Cgil e Uil hanno annunciato lo sciopero generale per il prossimo 16 dicembre e una manifestazione a Roma contro la manovra di Bilancio del Governo. Secondo la Cisl l’indirizzo di Governo potrebbe portare a decisioni che inaspriscono la tensione sociale. Francesca Re David, segretaria generale della Fiom Cgil, considera la manovra di Bilancio un’azione che va “contro i giovani e contro le donne”.

In una nota ufficiale della Cgil e della Uil, si legge: “Pur apprezzando lo sforzo e l’impegno del Premier Draghi e del suo Esecutivo, la manovra è stata considerata insoddisfacente da entrambe le Organizzazioni sindacali, in particolare sul fronte del fisco, delle pensioni, della scuola, delle politiche industriali e del contrasto alle delocalizzazioni, del contrasto alla precarietà del lavoro soprattutto dei giovani e delle donne, della non autosufficienza, tanto più alla luce delle risorse, disponibili in questa fase, che avrebbero consentito una più efficace redistribuzione della ricchezza, per ridurre le diseguaglianze e per generare uno sviluppo equilibrato e strutturale e un’occupazione stabile“.

Leggi anche: MILANO, ANZIANO UCCISO IN CASA CON UNA MOTOSEGA. C’È UN SOSPETTATO

Il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha commentato a Radio 1 le posizioni dei sindacati: “Ho letto le motivazioni e francamente non posso nascondere una certa sorpresa. La manovra è una manovra che come tutte può avere luci ed ombre ma sicuramente rafforza le garanzie per i lavoratori, aumenta le risorse sul fronte del sociale, e anche con la scelta investire gran parte tesoretto fiscale sul fronte Irpef. Sicuramente non è una riforma che penalizza lavoratori e pensionati”. E conclude: “Ritengo legittima la scelta del sindacato, rispettabile, ma non la definirei affatto scontata o dovuta“.

Il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, a RaiNews 24 ha dichiarato: “Vedremo il dialogo con i sindacati, ma questa è una politica espansiva anche per prossimi due anni, e anche grazie alla legge di bilancio“.

Fonte immagine: https://twitter.com/cgilnazionale/status/1467933039657377806/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.