Cashback: lo stop del Governo, l’iniziativa si ferma a giugno

L’operazione si fermerà fino a domani 30 giugno

La notizia era nell’aria: il cashback di Stato, introdotto nel periodo natalizio dal Governo di Giuseppe Conte si interrompe a giugno, ovvero domani giovedì 30.

Verranno così erogati i rimborsi per chi ha fatto almeno 50 transazioni e verrà assegnato anche il superpremio da 1500 euro per chi ha fatto un numero più alto di operazioni con carta e bancomat.

Dall’uno luglio l’operazione potrebbe fermarsi questo è quanto trapela da Palazzo Chigi anche se per il momento non sono state effettuate comunicazioni ufficiali.

Leggi anche: Cashback di Stato: gli ultimi giorni, arrivano i rimborsi

L’iniziativa doveva essere allungata per un altro trimestre ma è probabile che intanto venga sospeso per altri 6 mesi.

Proprio il Premier Mario Draghi avrebbe proposto una sospensione temporale per cercare di migliorare il sistema.

Secondo gli ultimi numeri dell’app Io, sarebbero circa 720 milioni le transazioni elaborate e più di 7,85 milioni gli utenti che avrebbero effettuato pagamenti validi per ottenere il rimborso.

Di questi, 5,89 milioni hanno superato la soglia minima di 50 transazioni per ricevere un ritorno del 10% di ogni transazione effettuata (fino ad un massimo di 150 euro).

Dopo la prova del periodo di Natale si era deciso di prorogare il progetto fino a luglio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.