Antonella Fiordelisi, nuova frecciata a Micol Incorvaia dopo la finale

La modella e influencer Antonella Fiordelisi punzecchia Micol Incorvaia dopo la finale del GF Vip: cosa è accaduto

La vittoria di Nikita Pelizon ha mandato al settimo cielo anche Antonella Fiordelisi. Le due si sono molto avvicinate negli ultimi mesi di programma, fino a diventare strette amiche. E nella valanga di festeggiamenti della trionfatrice del GF Vip 7 Antonella ha provato a ritagliarsi ampio spazio, probabilmente anche per ricoprire quei rimpianti per la finale mancata che ha inseguito praticamente per tutta l’edizione del programma. Questo non cancella però il rapporto che l’ex schermitrice e Nikita sono stata capaci di costruire nella seconda parte del Grande Fratello Vip. Con chi invece non ha proprio legato Antonella è Micol Incorvaia. Intervenuta sui social la Fiordelisi, non ancora sazia di guerra, ha lanciato una nuova stoccata alla fidanzata di Edoardo Tavassi: “Ah dimenticavo, vuole fare doposcuola a me che sono laureata. Pensasse a diplomarsi così impara qualcosa. Grande Nikita” ha scritto in un tweet Antonella rilanciando la sfida a Micol che aveva pronunciato la celebre frase nella Casa “le faccio scuola e doposcuola” riferendosi alla salernitana.

LEGGI ANCHE: Nikita Pelizon rompe il silenzio dopo il trionfo: “La verità ha vinto”

Come se non bastasse, Antonella ha poi rincarato la dose anche su Instagram, rivolgendo un messaggio agli Spartani: “Un bacio a tutti gli spartani! E’ stato bello, è andato proprio come nella storia. Vogliono farmi il doposcuola quando non sanno neanche la storia”. Un bel pensiero invece la Fiordelisi lo ha speso per Pamela Prati: “Mai giudicare un libro dalla copertina, mai. Sbagliando con te sono maturata in tante cose”. Bagno di folla poi per l’ex gieffina, travolta dall’affetto dei fan dopo la finale di un GF Vip che in un modo o nell’altro l’ha vista come protagonista del programma.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.