Alfonso Signorini sui mancati provvedimenti presi al GF. Il conduttore fa chiarezza

Alfonso Signorini si espone sui mancati provvedimenti presi al Grande Fratello. Il conduttore televisivo fa chiarezza

Alfonso Signorini sta conducendo dallo scorso 11 settembre l’ottava edizione del Grande Fratello. Il conduttore affiancato dall’opinionista Cesara Buonamici e l’inviata social Rebecca Staffelli sta portando avanti la nuova edizione del reality show. Negli ultimi giorni, dopo l’uscita di Beatrice Luzzi dal reality a causa di un grave lutto, le immagini degli inquilini rimasti in Casa hanno fatto molto discutere.

Leggi anche –> Amici, Kumo e Giovanni finiscono in sfida: la reazione dei ballerini

il conduttore fa chiarezza… le sue parole

Stando a quanto riporta TAG24.it, Signorini sul settimanale Chi, in edicola questa settimana ha risposto ad una lettera di una lettrice facendo chiarezza proprio sui provvedimenti che non sono stati presi nei confronti di alcuni gieffini. Il conduttore dichiara:

“La casa del Grande fratello è lo specchio della società in cui viviamo. Una società nella quale, se non in casi limite, non possiamo liberarci di tutti quelli di cui faremmo volentieri a meno. Come lei sa, mi sono rattristito anche pubblicamente per non aver visto da parte di alcuni inquilini (non di tutti e va detto) la minima sensibilità verso una persona che ha vissuto con loro, in stretta intimità, ben quattro mesi. Non so quali siano le cause di questa scarsa empatia: la giovane età, il Covid che ci ha isolati sempre di più, l’immaturità. Non lo so. Ma me ne rattristo. Profondamente”.

Con queste parole Signorini ha spiegato perchè diversi concorrenti non hanno ricevuto provvedimenti da parte della produzione e invece proseguono serenamente il proprio percorso in Casa. Il conduttore prima della puntata di lunedì 8 gennaio sui social si era esposto dichiarando: “La mancanza di empatia dimostrata quest’oggi da alcuni concorrenti del GF mi lascia letteralmente senza parole . A lunedì”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.