Al via su Mediaset la campagna di spot “Non scherzare col fuoco”

Al via su Mediaset la campagna di spot “Non scherzare col fuoco”

Al via su Mediaset la campagna di spot di Mediafriends e Fondazione AlberItalia “Non scherzare col fuoco” 

Al via da domenica 23 luglio sulle Reti Mediaset la campagna di spot “Non scherzare col fuoco” a sostegno dell’iniziativa di sensibilizzazione per la prevenzione degli incendi di Mediafriends e Fondazione AlberItalia, con il patrocinio della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

Secondo le statistiche ufficiali, in Italia nel 2021 sono andati distrutti 160.000 ettari di superfici boscate e non boscate, altri 57.000 ettari nel 2022 e il fenomeno purtroppo si aggrava particolarmente nei mesi estivi.

Quasi il 25% di questi incendi hanno avuto origine da cause colpose, ossia all’uso superficiale del fuoco e di oggetti che possono causarne l’innesco.

Per questo motivo Mediafriends e Fondazione AlberItalia reputano importante affrontare questa piaga promuovendo una campagna di sensibilizzazione al fine di prevenire gli incendi boschivi nel nostro Paese.

L’iniziativa, attiva dal 23 luglio al 2 settembre e articolata in due diversi spot televisivi in onda sulle Reti Mediaset, si pone l’obiettivo di rendere consapevoli le persone che determinati comportamenti dettati dalla poca attenzione, o dallo scarso senso civico, come gettare sigarette accese, o abbandonare nell’ambiente sacchetti di plastica, possono causare pericolosi incendi.

Leggi anche: Le Iene presentano: “Inside”, da lunedì 24 luglio in prime-time

Tra le buone pratiche di responsabilità collettiva, la campagna di comunicazione sociale sottolinea, inoltre, come sia importante chiamare immediatamente il numero attivato dal Ministero dell’Interno 1515 se si avvista un incendio, o chi lo provoca.

Per informazioni utili e dettagliate, la Fondazione Alberitalia ha anche predisposto sul sito www.alberitalia.it una sezione dedicata ai comportamenti virtuosi da adottare in aree boschive o in quelle vicine alle foreste, l’elenco dei divieti più diffusi contenuti nelle ordinanze o nelle leggi regionali, le istituzioni a cui fare riferimento e tanti altri contenuti scientifici sul tema.

Foto di <a href=”https://pixabay.com/it/users/valtercirillo-3274677/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2740784″>Valter Cirillo</a> da <a href=”https://pixabay.com/it//?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2740784″>Pixabay</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi