Aifa, approvata la terza dose di richiamo del vaccino anti Covid

Aifa, approvata la terza dose di richiamo del vaccino anti Covid

L’Aifa approva la somministrazione della terza dose, ovvero il richiamo, del vaccino anti Covid. Si parte con determinate categorie

L’Aifa, Agenzia italiana del farmaco, ha approvato la somministrazione della terza dose di richiamo del vaccino anti Covid. Verranno somministrati vaccini a mRna (Pfizer e Moderna) a particolari categorie, ovvero immunosoppressione grave, quali ad esempio trapiantati, oncologici, dializzati oltre che gli anziani e i ricoverati nelle Rsa. Per gli operatori sanitari il richiamo “è previsto in condizioni di particolare esposizione a rischio.

La terza dose sarà somministrata non prima di 28 giorni dalla seconda dose per i soggetti immunodepressi ed i trapiantati, mentre dopo sei mesi per le altre categorie. Per il richiamo al resto della popolazione sono in corso ancora le valutazioni.

Ecco il comunicato ufficiale dell’Aifa:

“La Commissione Tecnico Scientifica di AIFA (CTS), riunitasi nei giorni scorsi, ha espresso il proprio parere sulla somministrazione di dosi aggiuntive di vaccino contro il COVID-19, rispondendo ai quesiti posti dal Ministero della Salute. La CTS osserva che la priorità della campagna vaccinale rimane il raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale con il completamento dei cicli attualmente autorizzati per ridurre la circolazione del virus e lo sviluppo di varianti e prevenire efficacemente l’insorgenza di patologia grave e di decessi.

La CTS ritiene appropriato, in attesa dell’autorizzazione di EMA, rendere disponibili i vaccini Comirnaty e Spikevax

  • come dose addizionale di vaccino COVID-19, dopo almeno 28 giorni dall’ultima somministrazione, a completamento del ciclo vaccinale nei soggetti adulti e adolescenti di età >12 anni (vaccino Comirnaty) o >18 anni (vaccino Spikevax) in condizione di immunosoppressione clinicamente rilevante. Rientrano nella suddetta categoria i trapiantati di organo solido e i soggetti che presentino, sulla base della valutazione clinica, un livello di immunocompromissione assimilabile.
  • come dose booster, al fine di mantenere una efficace risposta immune al vaccino dopo il completamento del ciclo vaccinale, dopo almeno 6 mesi dall’ultima somministrazione, nei grandi anziani (>80 anni) e nei soggetti ricoverati nelle RSA. Tale opzione può essere resa disponibile anche agli operatori sanitari, a seconda del livello di esposizione all’infezione, del rischio individuale di sviluppare forme gravi di COVID-19 e in accordo alla strategia generale della campagna vaccinale.

Per la dose aggiuntiva si prevede di somministrare uno dei due vaccini a mRNA autorizzati in Italia (Comirnaty e Spikevax).

Il CDA di AIFA, riunito in seduta straordinaria il 9 settembre 2021, ha approvato l’inserimento nell’elenco dei farmaci previsto dalla legge 648/96 della dose addizionale dei vaccini Comirnaty (Pfizer) e Spikevax (Moderna).

Il provvedimento sarà efficace dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale”.

Fonte immagine: <a href=’https://www.freepik.com/photos/medical’>Medical photo created by freepik – www.freepik.com</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi