USA, un file audio incrimina Donald Trump

Trump

Si tratta di un file di oltre tre minuti

Si complica la posizione per l’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La CNN spiega come sia stato rinvenuto un file audio che incrimina l’ex Potus.

In oltre due minuti Trump confessa di aver conservato un documento riservato del pentagono che riguardava l’Iran.

A rintracciarlo i pubblici ministeri nell’indagine sul materiale portato a Mar-a-Lago dopo aver detto addio al suo incarico.

Il file risale al 2021 e si parla di un probabile attacco a Tehran. Secondo le indagini, quindi, Trump in maniera del tutto consapevole aveva scelti di conservare del materiale che non avrebbe potuto prendere.

Ad agosto di un anno fa venne perquisita la sua villa a Mar-a-Lago dove sono stati rinvenuti diversi documenti sull’Iran.

Secondo diverse fonti che hanno ascoltato l’audio Trump ammette di essere conscio del fatto di non poter condividere certe informazioni.

Intanto i procuratori hanno chiamato a testimoniare il generale Mark Milley, che durante il mandato dell’ex presidente era capo dello stato maggiore congiunto.

L’incontro in questione risale al luglio 2021 e si è tenuto al golf club di Trump a Bedminster, nel New Jersey, con due persone che hanno lavorato all’ autobiografia dell’ex capo dello staff di Trump, Mark Meadows, nonché con collaboratori dipendenti dell’ex presidente, tra cui lo specialista delle comunicazioni Margo Martin.

I partecipanti, secondo le fonti, non avevano autorizzazioni di sicurezza che consentissero loro di accedere a informazioni riservate. Meadows non ha partecipato alla riunione, sempre secondo le stesse fonti.

L’autobiografia di Meadows include un resoconto di quello che sembra essere lo stesso incontro, durante il quale Trump “ricorda un rapporto di quattro pagine scritto a macchina dallo stesso Mark Milley. Conteneva il piano del generale per attaccare l’Iran, dispiegando un numero enorme di truppe, un piano che Milley esorto’ il presidente Trump ad attuare più di una volta durante la sua presidenza”.

Leggi anche: New York, al via il processo in cui Trump è accusato di stupro

Il documento a cui Trump fa riferimento non è stato prodotto da Milley, ha precisato la Cnn.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.