Una ragazza polacca crede di essere Maddie McCann, chiede il test del DNA

Maddie McCann

Una ragazza polacca crede di essere Maddie McCann, la bambina rapita e uccisa nel 2007. Ora chiede il test del DNA

Una ragazza polacca di nome Julia ha chiesto aiuto attraverso i social perché sostiene di essere Maddie McCann, la bambina inglese di quasi quattro anni svanita nel nulla nel 2007. Per la sua scomparsa fu ritenuto responsabile un uomo tedesco, Christian Brueckner, quarantatreenne già accusato di stupro e pedofilia e tuttora in carcere con l’accusa di aver ucciso la bambina, ma il corpo di Maddie non è mai stato trovato.

Questo ha fatto sempre sperare nella possibilità che la bambina sia ancora viva. Adesso una giovane polacca Julia, sui social chiede il test del DNA per sapere chi è: «Penso di essere Maddie. Voglio fare un test del Dna. Gli investigatori della polizia del Regno Unito e della Polonia cercano di ignorarmi. Racconterò la mia storia nei post qui. Aiutatemi».

Leggi anche: Matteo Messina Denaro sostenitore di Putin: “Sono filorusso, gli ucraini hanno torto”

In un altro appello, chiede di essere messa in contatto con i genitori della piccola Maddie: «Aiutami, ho bisogno di parlare con Kate e Gerry McCann — scrive su Instagram — penso di poter essere Madeleine. Ho bisogno del test del Dna». Poi aggiunge: «I McCann hanno ufficialmente accettato di permettermi di fare u test del Dna con loro».E poi: «Anche se dovesse risultare negativo, scoprirò finalmente chi sono».

La convinzione della giovane proviene dal fatto di non ricordare nulla di quando era piccola e, inoltre, dice di avere notizie che non coinciderebbero con il racconto dei genitori:  «Non ricordo praticamente nulla della mia infanzia — scrive la ragazza rispondendo a un follower — . I ricordi sono tutti confusi e quando ho cercato di parlare con i miei genitori, quello che dicono non combacia e continuano a cambiare argomento. Ho chiesto foto di mia madre incinta, o altri documenti medici, foto della mia infanzia, ma lei non me le ha mai mostrate. Mi dice solo che sono matta. La mia insegnante di scuola mi aveva detto che non avevo iniziato a studiare con loro, da piccola, ma i miei genitori vogliono convincermi del contrario».

Fonte immagine: https://www.instagram.com/p/CowbtCMtq7s/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi