Milano, chi sono le otto vittime dell’aereo precipitato ieri

Milano, chi sono le otto vittime dell'aero precipitato ieri

Milano, sono tutte morte sul colpo le otto vittime dell’aereo precipitato ieri poco dopo il decollo. Non ancora chiara la causa dell’incidente: avaria, malore o errore umano le ipotesi

Sono ancora da chiarire i contorni dell’incidente avvenuto ieri a Linate, dove è precipitato un aero privato con a bordo 8 persone. Nessuno è scampato al tragico incidente. Secondo la prima ricostruzione dei fatti, il jet privato era partito dal terminal dei voli privati dell’aeroporto milanese per raggiungere Olbia, ma pochi minuti dopo viene registrata la prima anomalia. Il jet, infatti, ha cambiato rotta, per poi iniziare a perdere quota improvvisamente fino allo schianto, ma altre sono le anomalie rilevate, su cui potranno fare chiarezza solo le analisi della scatola nera dei prossimi giorni.

Non sono attualmente esclusi nemmeno un malore improvviso del pilota, che è anche il proprietario del jet, o il suo possibile disorientamento. Nel terribile schianto sono decedute tutte otto le persone a bordo. Si tratta del miliardario imprenditore immobiliare romeno Dan Petrescu, 68 anni, di sua moglie, Regina Dorotea Petrescu Balzat, 65 anni e del figlio di 30 anni, Dan Stefan Petrescu.

Tra le vittime anche un italiano Filippo Nascimbene, pavese, classe 1988, manager milanese, la moglie Claire Stephanie Caroline Alexandrescou, quasi 34 anni, e il figlio Raphael, di un anno e mezzo. Le altre due vittime sono Miruna Anca Wanda Lozinschi, romena, classe 1956, madre di Claire Stephanie Caroline e Julien Brossard, 35 anni, un amico di Dan Stefan Petrescu.

L’impatto è stato terribile e per fortuna non ha causato altre vittime, ma i testimoni hanno parlato di un vero e proprio inferno. «Ho sentito un aeroplano che stava per cadere, con le eliche che si fermavano, poi ho sentito le finestre tremare», ha detto un testimone. Il jet è caduto su una palazzina di proprietà del comune di Milano, che era destinata a diventare il terminal di pullman a lunga percorrenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi