Messina, padre porta il figlio morto in ospedale. Indaga la Procura

Messina, padre porta il figlio morto in ospedale. Indaga la Procura

Messina, padre porta il figlio morto in ospedale. Sono in corso le indagini della Procura per chiarire eventuali responsabilità

La Procura di Patti, in provincia di Messina, sta indagando sulla morte di un bambino di 11 anni. Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, il padre del bambino ha condotto, alle prime ore della giornata di oggi, 3 aprile, il figlio in ospedale, ma era già morto.

Il bambino sembra soffrisse di gravi patologie dalla nascita, mentre la madre era deceduta appena un mese fa.  Come riportato dall’Adnkronos, “c’era un provvedimento del Tribunale dei minori, di pochi giorni fa, che aveva disposto il ricovero del bambino per le cure del caso”.

Inoltre, “La Procura ha aperto un fascicolo per verificare a chi è stato notificato il provvedimento e per quali motivi il piccolo non sia stato ricoverato. La salma del bimbo di 11 anni è stata trattenuta per l’eventuale autopsia”.

Leggi anche: Terremoto in Russia, magnitudo 6.9. Scene di panico tra la popolazione

Non è l’unico caso di cronaca verificatosi a Messina. Infatti, un anziano di ottant’anni è stato accoltellato all’Annunziata. L’incidente è avvenuto sempre oggi intorno alle 8. L’uomo, in gravi condizioni, con ferite anche al collo, è stato portato all’ospedale Papardo.

Sul posto la Polizia di Stato, con Squadra Mobile, Volanti e Commissariato Nord che hanno già individuato il responsabile, un uomo di mezza età, che è stato portato negli uffici della Questura. I due si conoscevano e si sta approfondendo il movente dell’aggressione. Acquisite le immagini di telecamere di videosorveglianza nella zona, che potrebbero chiarire la dinamica dei fatti.

Fonte immagine: https://it.freepik.com/foto-premium/ambulanza-in-fila-su-un-parcheggio_33994182.htm#query=ambulanza&position=30&from_view=keyword&track=sph

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi