La nuova iniziativa solidale del Milan e di Shevchenko

Da sei mesi il club ha un programma di aiuti rivolto al popolo ucraino

Da oltre sei mesi anche il Milan con Andriy Shevchenko è sceso in campo per aiutare le popolazioni ucraini.

AC Milan e Fondazione Milan sono impegnati a supportare la popolazione ucraina attraverso una serie di iniziative concrete, riunite all’interno del programma “AC Milan for Peace”.

Dalla raccolta fondi a quella di beni materiali: tantissime le iniziative solidali.

Programmi quest’ultimo, supportati da Andriy Shevchenko.

Leggi anche: Andriy Shevchenko e il dolore per la sua Ucraina: “È stato uno shock”

Nelle ultime ore l’ex bandiera rossonera ha visitato gli uffici di Casa Milan e ha accolto i tifosi presenti, autografando le loro maglie della collezione speciale.

Una maglia ispirata a quella indossata dall’ex numero 7 durante la finale di Champions League 2002/03 poi vinta.

La jersey è anche arricchita dai colori della bandiera ucraina, la scritta “AC Milan for Peace” e il simbolo della pace.

L’iniziativa è stata accolta subito con grande entusiasmo dai tifosi rossoneri, che hanno esaurito le maglie messe inizialmente a disposizione.

Sono stati così raccolti oltre 200 mila euro per finanziare i progetti e gli aiuti in favore della popolazione colpita dal conflitto.

Shevchenko ha poi annunciato che Fondazione Milan si impegnerà a contribuire alla ricostruzione dello stadio di Irpin, città dell’oblast di Kiev distrutta dai bombardamenti.

Già a marzo costo il Milan aveva subito istituito un canale sicuro di raccolta fondi in favore della Croce Rossa Italiana.

Questa da subito si è impegnata al fianco della Croce Rossa Ucraina e delle altre Società Nazionali della Croce Rossa per rispondere ai bisogni umanitari della popolazione ucraina.

La raccolta, aperta sul sito dedicato,  ha fornito e continua a fornire kit di primo soccorso, medicine e materiale di prima assistenza.

Presso la sede di Casa Milan e i Centri Sportivi Milanello e PUMA House of Football è stata effettuata una raccolta di beni di prima necessità.

Alla Croce Rossa Italiana sono andati i ricavi delle aste di beneficienza effettuate per le maglie warm-up PUMA indossate e autografate dai calciatori della Prima Squadra maschile.

Con il Comune di Milano e con Andriy Shevchenko, Fondazione Milan ha sostenuto la creazione di un servizio telefonico di ascolto e orientamento in lingua ucraina.

Questo per favorire l’integrazione delle famiglie rifugiatesi nel capoluogo lombardo.

In estate, grazie al progetto “Special Camp emergenza Ucraina”, AC Milan Academy e Fondazione Milan hanno accolto bambini provenienti dall’Ucraina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.