Irma Testa: “Il mio orientamento sessuale? Sono sempre stata tranquilla”

La prima donna a medaglia nella Boxe ha parlato a “Verissimo”

Irma Testa è una delle tante donne che con le sue imprese e con la sua medaglia ha scritto una pagina di storia a Tokyo 2020.

L’azzurra è stata la prima, al femminile, a guadagnare una medaglia in questo sport. Qualche mese dopo ha anche deciso di fare coming out.

Dell’argomento ne ha parlato a Silvia Toffanin, a “Verissimo”.

Ho sempre vissuto e affrontato il mio orientamento sessuale con forza e tranquillità. L’ho detto a mia mamma quando avevo 15 anni. Ho fatto fatica perché nella mia famiglia non avevamo mai affrontato questo tipo di tematiche, l’amore per me era l’unione tra un uomo e una donna. Invece, ho scoperto che ci si può innamorare di chiunque e mia madre è stata una roccia anche in quell’occasione.

Poi, tornando su quel bronzo, ottenuto dopo la delusione Olimpica di Rio 2016, Irma testa ricorda le varie avversità affrontate nella vita.

Questa medaglia è un bel riscatto per me perché nella mia vita ci sono stati dei momenti molti bui. A volte in casa non riuscivamo neanche a comprare da mangiare”.

Leggi anche: Il coming out di Irma Testa: “Esporsi è diventato fondamentale”

Per Irma Testa, proprio la Boxe è stato l’appiglio per sfuggire a un brutto ambiente: “Quel mondo non mi apparteneva e appena ho visto la via di fuga del pugilato mi ci sono buttata dentro perché sapevo che mi avrebbe portata lontano”.

Irma Testa e il rapporto con il padre

 Infine, Irma Testa spiega il rapporto recuperato con suo padre, dopo la lunga assenza durante la sua infanzia: “Ora se mi chiama al telefono rispondo, per anni non l’ho mai fatto. Ho messo da parte la rabbia, non ho dimenticato, ma cerco di accontentarlo e di aggrapparmi ai ricordi belli che ho avuto con lui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.