Ibiza, sparatoria ad una festa: tre italiani coinvolti, uno in gravi condizioni

Ibiza, sparatoria ad una festa tre italiani coinvolti, uno in gravi condizioni

A Ibiza una festa privata è finita in tragedia, a causa di una sparatoria, che ha visto coinvolti tre italiani, uno è in gravi condizioni

È accaduto ad Ibiza, nel municipio di Santa Eulalia, una delle isole più note delle Baleari in Spagna. Nel corso di una festa privata in una villa all’aperto ha avuto luogo una sparatoria, in cui sono rimasti coinvolti tre italiani, di cui non si conoscono ancora i nomi. Dalle prime ricostruzioni pare che un 33enne italiano, tra le 2:30 e le 3 del mattino di sabato scorso, abbia sparato ad un connazionale, un uomo di 28 anni, colpendolo gravemente alla testa e ad una gamba con 6 colpi di pistola. Nella sparatoria è rimasta ferita lievemente anche un’altra persona, un giovane di 35 anni, sempre italiano. Secondo la prima ricostruzione, il 28enne sarebbe stato colpito prima con il calcio di una pistola, poi dai sei colpi, tre hanno raggiunto la testa, i restanti il ginocchio e la gamba. L’altro uomo ferito se l’è cavata con una ferita di striscio.

Sulla vicenda sta indagando la Guardia Civil spagnola, che, oltre a ricostruire la dinamica dei fatti, è impegnata nella ricerca dell’uomo che ha sparato, datosi alla fuga subito dopo i fatti. Secondo le prime indiscrezioni sembrava che l’uomo avesse sparato da un’auto, ma secondo quanto è emerso nelle ultime ora pare che nel corso della festa sia scoppiata una lite poi degenerata. Anche il Consolato italiano a Barcellona sta seguendo la vicenda ed è accanto ai connazionali coinvolti.

Leggi anche: CASO SAMAN ABBAS: SPUNTA UN VIDEO CHE INCASTREREBBE IL PADRE

Non si conoscono ancora le cause che hanno scatenato la sparatoria, ma sembra che i motivi siano futili, probabilmente un atto di gelosia. Intanto, le condizioni di salute del  28enne restano gravi. Per i colpi di pistola che lo hanno raggiunto alla testa, si è reso necessario un intervento chirurgico d’urgenza durato circa sei ore. L’intervento è stato eseguito dall’ Unità di Neurochirurgia, Chirurgia Maxillo-Facciale, Chirurgia Generale e Traumatologia del Policlinico Nuestra Señora del Rosario. Secondo quanto riporta il Corriere della Sere “è stata eseguita una ricostruzione facciale ed è stato applicato un bypass vascolare sull’arteria femorale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi