Green Pass, ecco come ottenerlo facilmente con le app dedicate

Green Pass, ecco come ottenerlo facilmente con le app dedicate

Green Pass, diffuse le diverse possibilità per ottenerlo facilmente: app dedicate, medici di base, pediatri e farmacie

Con il decreto Recovery, entrato in vigore da ieri primo giugno, sono state rese note le modalità attraverso le quali potremo ottenere il green pass, ovvero il certificato per muoverci in libertà. I canali per ottenerlo saranno diversi: si va dal fascicolo sanitario elettronico alle app Io e Immuni. Inoltre, il green pass potrà essere scaricato anche tramite il medico di base, il pediatra o il farmacista. La pratica può essere attivata tramite Spid, per chi non ne è in possesso è previsto un codice, che sarà inviato via mail o sms, abbinato alle ultime 8 cifre e alla scadenza della tessera sanitaria.

Le Regioni avranno un ruolo specifico, perché dovranno trasmettere al portale creato appositamente e gestito da Sogei i dati dei cittadini cui è stata somministrata “almeno una dose di vaccino”. Nel portale saranno disponibili anche i certificati dei tamponi e quelli di avvenuta guarigione.

Leggi anche: COVID, DAI MATRIMONI ALLE FESTE PRIVATE: LE REGOLE DEL DPCM PER RIPARTIRE

Dal primo luglio entrerà in vigore anche il Green Pass digitale europeo. Ieri l’Europa ha attivato il relativo gateway, ovvero l’infrastruttura tecnica che servirà a verificare i certificati in rispetto della privacy: “Oggi lanciamo il gateway Ue, l’infrastruttura tecnica che permette la validazione in sicurezza dei certificati Covid digitali” – ha detto un portavoce della Commissione europea, aggiungendo: “ad oggi 17 Stati membri sono già connessi e gli altri si aggiungeranno. E’ un grande successo e siamo fiduciosi che il sistema sarà operativo il primo luglio”.

L’Italia, per il momento, non emetterà Green Pass digitali europei, perché si concentrerà sui pass nazionali. Attualmente l’accesso alla piattaforma UE avviene su base volontaria e sono sette gli stati membri che hanno già rilasciato i primi certificati UE: Bulgaria, Cechia, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi