Giorgio Armani commenta Bova in ‘Made in Italy’: “è bravo, più telegenico di me”

Il celebre stilista ha elogiato il lavoro della fiction Mediaset e anche l’attore Raoul Bova che interpreta lui

Ieri sera è andata in onda la fiction ‘Made in Italy’ che ha riscosso un buon consenso sul pubblico, Made in Italy ha infatti incollato davanti al video 2.685.000 spettatori con uno share dell’11.2%.

L’attore pochi minuti fa ha pubblicato una scena della serie che lo ha visto protagonista della puntata di ieri in cui interpreta lo stilista di fama mondiale, Giorgio Armani.

“Raoul Bova è bravo, molto più telegenico di me – ha commentato lo stilista in un’intervista al Corriere della Sera – È una curiosa sensazione vedere la propria vita, o un pezzo di essa, raccontata in una serie tv. Ho vivide memorie dei miei inizi nella moda, di quel momento pionieristico, alla metà degli anni Settanta, nel quale si sono poste le basi del fenomeno del Made in Italy. Sono anni complessi, che il serial Made in Italy restituisce con una certa accuratezza e le inevitabili licenze poetiche: dopo tutto, è una fiction. Il lavoro fatto sui personaggi, ma anche sui costumi, è di tutto rispetto: Margherita Buy nel ruolo della direttrice di una rivista che cattura lo spirito del momento, Greta Ferro nei panni di una giovane di belle speranze, e anche Raoul Bova nei miei. I fatti veri erano forse meno telegenici, ma li si viveva con spontaneità ed entusiasmo”.

Leggi anche–> “Made In Italy”: parte su Canale 5 la fiction sulla moda

“Sentire che gli sono piaciuto è stato più di qualsiasi premio per me. Avere la stima delle persone cui a cui tengo è molto importante, più che avere un riconoscimento”, ha svelato Bova a Verissimo nel salotto di Silvia Toffanin. Tra l’attore e Armani c’è una lunga amicizia iniziata quando Raoul Bova ha cominciato a recitare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raoul Bova (@raoulbovagram)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.