Fedez: “Abbiamo raccolto più di 4 milioni di euro con il fondo Scena Unita”

Direttamente dal suo profilo Instagram, Fedez ha raccontato alla sua community di aver raccolto più di 4 milioni di euro

Con delle storie su Instragram, Fedez ha raccontato che il fondo istituito per aiutare i lavoratori dello spettacolo “Scena Unita” al momento ha raccolto più di 4 milioni di euro.

Il rapper si è mosso in prima persona nel momento in cui ha capito che la pandemia avrebbe lasciato a casa per mesi e mesi molti lavoratori dello spettacolo e maestranze che si occupano del dietro le quinte degli eventi, dei concerti e degli spettacoli teatrali.

Nelle storie su Instagram ha spiegato che il fondo “Scena Unita” è nato da un gruppo Whatsapp tra amici e artisti e, con il tempo, ha trovato l’adesione di più di cento artisti tra cantanti, conduttori e attori ossia Achille Lauro, Fiorella Mannoia, Alessandra Amoroso, Giorgia, Ermal Meta, J-Ax, Ligabue, Fiorello, Francesco De Gregori, Francesco Gabbani, Carlo Verdone e Claudio Baglioni. Solo per citarne alcuni.

“Ci tenevo a darvi aggiornamenti in merito al fondo per i lavoratori dello spettacolo Scena Unita. Ad oggi siamo riusciti a raccogliere più di 4 milioni di euro per aiutare più persone possibili, che da più di un anno non hanno potuto svolgere la loro attività lavorativa, per dare un sostegno da un settore che conta più di 300mila lavoratori” ha esordito Fedez, dimostrandosi soddisfatto e orgoglioso del risultato raggiunto e di poter aiutare persone che sono parte integrante e fondamentale di ogni spettacolo che va in scena: da un live sino ad uno spettacolo teatrale.

Fedez non intende fermarsi e ha aggiunto: “Nei prossimi mesi ci impegneremo nella sfida più grande: cercare di aiutare aziende e lavoratori a ripartire, mettendo a disposizione finanziamenti a fondo perduto per le realtà in difficoltà. Tutto è nato da un gruppo whatsapp. In 10 giorni siamo riusciti a raccogliere 2 milioni di euro e tanti altri artisti nei giorni successivi si sono uniti al progetto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.