Donne morte sul Monte Rosa: “Ho fatto il possibile per aiutare i soccorritori”

Donne morte sul Monte Rosa Ho fatto il possibile per aiutare i soccorritori

Tragedia sul Monte Rosa, un gruppo di tre amici scalatori è stato colto di sorpresa da una bufere. Due donne sono morte e un uomo ricoverato per congelamento alle mani

Un’altra domenica segnata dalla tragedia. Questa volta, protagonista della triste vicenda è un gruppo di alpinisti, due donne e un uomo, colti di sorpresa da una bufera. Per le due donne non c’è stato nulla da fare, mentre l’uomo è riuscito a salvarsi.

Le due vittime sono Martina Svilpo, 29 anni, di Crevoladossola (Verbania) e Paola Viscardi, 28 anni, di Trontano (Verbania). Il terzo alpinista è Valerio Zolla, 27 anni, di Pettenasco (Novara), che riuscitosi a salvare ha riportato gravi congelamenti alle mani. L’uomo ha raccontato a Lastampa.it cosa è accaduto: «In cinque minuti il meteo è cambiato e la bufera ci ha bloccati in quota. Ricordo il freddo, tanto freddo, mi sono tolto i guanti per darli a una delle due ragazze. Ho fatto il possibile per aiutare i soccorritori».

I tre avevano scalato la Piramide Vincent, raggiungendo la vetta nel pomeriggio, mentre stava iniziando la bufera. I tre, colti di sorpresa, sono rimasti bloccati a 4000 metri di altitudine. Hanno chiamato immediatamente i soccorsi, ma dopo la prima telefonata al 112 non si è più saputo nulla di loro, fino al ritrovamento, che è avvenuto grazie ad una squadra del Soccorso alpino che si è messa in marcia, poichè gli elicotteri non sono potuti intervenire per il mal tempo.

I soccorritori sono stati raggiunti verso le 21. Lì hanno constatato il decesso di una delle due donne, mentre l’altra trasportata al rifugio di Mantova dove il medico a tentato, ma inutilmente, di rianimarla. L’uomo, invece, è stato trasportato in Svizzera dall’elicottero di Air Zermatt.

Martina Svilpo, 29 anni, e Paola Viscardi, 28 anni, erano due amiche con in comune la passione per la montagna. La prima lavorava come impiegata, la seconda era un’insegnante di biologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.