Covid e Influenza stagionale, come proteggersi dalla doppia minaccia

Covid e Influenza stagionale, come proteggersi dalla doppia minaccia

Covid e Influenza stagionale, come proteggersi dalla doppia minaccia autunnale. A parlare sono gli esperti

Con l’arrivo dell’autunno e delle temperature più basse ritorna la preoccupazione della trasmissione del Covid, a cui si aggiunge anche quella dell’influenza stagionale, che per le misure di distanziamento, negli anni scorsi, è risultata pressoché assente.

Ad essere preoccupati sono anche gli esperti, che ribadiscono la necessità di ricorrere ai vaccini per proteggere le persone fragili, gli over 60 e le donne in gravidanza. Franco Locatelli, presidente del Cts, ha dichiarato a SkyTg24:

“Ma la raccomandazione si estende anche agli operatori sanitari, a chi lavora nelle Rsa e agli ospiti di queste strutture, alle donne in gravidanza. Lo strumento che abbiamo già ora sono i vaccini bivalenti di cui parlavo, approvati dalle agenzie regolatorie all’inizio di settembre: metà del loro Rna deriva dal ceppo originale del virus comparso a Wuhan, e l’altra metà dalla sottovariante BA.1 di Omicron. Gli studi dimostrano come questi vaccini determinino un aumento significativo dei titoli anticorpali anche contro BA.4 e BA.5, dominanti nel nostro Paese”.

Leggi anche: GIALLO DI HASIB: “GLI AGENTI NON AVEVANO IL MANDATO PER ENTRARE IN CASA”

Oggi arrivano in Italia i vaccini bivalenti e sulla possibile confusione che si potrebbe generare, dice Locatelli: “Tutti i vaccini che abbiamo sono validi ed efficaci nel prevenire la malattia grave e la morte da Covid. Il punto fondamentale è la tempestività della vaccinazione, non la tipologia di vaccino con cui si procede alla somministrazione: la stessa Ema, nel comunicato elaborato in collaborazione con Ecdc, lo ha spiegato a chiare lettere proprio in occasione dell’approvazione dei bivalenti”. Quindi non ha senso aspettare? “No. I vaccini approvati lunedì e codificati per BA.4 e BA.5 arriveranno in Italia non prima di due o tre settimane. Ritardare la vaccinazione nelle categorie a rischio che ho elencato poco fa, specie se il precedente richiamo è lontano nel tempo, sarebbe un errore”.

Inoltre, uno studio svedese evidenzia come i nuovi vaccini siano efficaci anche contro la nuova variante Centaurus.

Fonte immagine: <a href=”https://it.freepik.com/foto-gratuito/donna-malata-con-mal-di-testa-seduto-a-casa_9246847.htm?query=malato”>Immagine di prostooleh</a> su Freepik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi