Christian Eriksen a Milano, in attesa di avere l’ok dei medici: le sue condizioni

Il giocatore sta aspettando di conoscere il suo futuro

Christian Eriksen, dopo il terribile malore durante la prima partita dell’Europeo della sua Danimarca si accasciò a terra, privo di sensi.

Dopo oltre 10 minuti di rianimazione il  giocatore nerazzurro riprese conoscenza: qualche settimana dopo gli è stato impianto un defibrillatore cardiaco.

Ora, rimane da capire se lo strumento sia temporaneo o meno, cosa che determinerà la partecipazione del danese al campionato italiano.

Leggi anche: Eriksen, campione di generosità: il gesto del danese

Intanto, dopo aver fatto visita al ritiro nerazzurro qualche settimana fa e aver chiacchierato con il neo tecnico Simone Inzaghi ora si gode Milano.

Come spiega oggi “Gazzetta dello Sport” il calciatore è stato avvistato per le vie di milano in compagnia dei figli e della famiglia.

Tra un mese poi avrà una importante visita con i cardiologi danesi che da giugno hanno in mano la pratica. “È deciso che saranno ancora loro a seguirlo, ma sempre in stretto contatto con lo staff Inter“.

In quella occasione – si legge –  potrebbe pure arrivare un primo ok per un timido ritorno agli allenamenti individuali. Un po’ di cyclette, giri di campo, contatto con il pallone in una struttura sportiva vicino a casa. È un processo di naturale «riatletizzazione», in Danimarca e non certo in Italia. Qui i regolamenti non consentono neanche l’allenamento per la pratica agonistica a causa dell’ormai celebre defibrillatore sottocutaneo. Tra l’altro, serviranno tempo ed altri esami prima di una decisione definitiva su quel salvavita che gli è stato impiantato. Le porte delle A si riaprirebbero per lui solo in caso di nuovo intervento per toglierlo. Se dovesse rimanere così e, avesse ancora voglia di proseguire la carriera, allora Eriksen dovrà cercare una nuova opportunità altrove: l’Ajax e più di una squadra danese lo guardano interessate. Bisognerà comunque aspettare il 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi