Caso Pipitone, le parole di Anna Corona: “non c’entriamo nulla”

Caso Pipitone, le parole di Anna Corona non c'entriamo nulla

Caso Denise Pipitone, a Quarto Grado le parole di Anna Corona. Intervistata per la seconda volta dice: “Tutta la città sa che noi non c’entriamo nulla”

Nel corso dell’ultima puntata di Quarto Grado, andata in onda ieri sera su Retequattro, si è tornato a parlare del caso di Denise Pipitone. Nello specifico, è andata in onda una intervista ad Anna Corona, la madre di Jessica Pulizzi. Entrambe sono state sospettate di avere un ruolo nella sparizione della piccola Denise, ma Jessica, che ha subito anche un processo, è stata dichiarata estranea ai fatti.

Ieri, intervistata da Quarto Grado, Anna Corona è ritornata sulla vicenda e sul clamore mediatico scaturito negli ultimi tempi: “Mi sembra un paradosso ancora insistere su questa pista, su Anna, Jessica e Alice” dice Anna Corona. Inoltre, la madre di Jessica ha parlato anche del presunto movente, ovvero la rabbia per il tradimento del padre, che avrebbe causato la separazione. All’epoca, dice Anna Corona, le sue figlie sono rimaste particolarmente traumatizzate dall’accaduto e se da un lato è vero che Jessica aveva offeso Piera Maggio, dall’altro è pur vedo che era una ragazzina e che comunque non avrebbe potuto ordire un piano così malvagio e ,infatti, ha ribadito il concetto: “Ma tu per un paio di corna vai a toccare una bambina?”, come a sottolineare l’assurdità dell’ipotesi.

Leggi anche: Caso Pipitone, l’ex pm Maria Angioni: “io voglio il processo”

Rivolgendosi al lavoro giornalistico dice: “Avete fatto troppi giochetti di prestigio sulla mia pelle e su quella dei miei figli” e racconta ciò che la figlia avrebbe subito: “Jessica è stata picchiata da un poliziotto: un ceffone che non dimenticheremo mai” , mentre sul lavoro degli inquirenti e su di sè dice: “Si sono fatti sfuggire di mano la situazione. Sua madre va aiutata perché sta cercando di ritrovarla. Io posso dire che camminerò sempre a testa alta per Mazara. Tutta la città sa che noi non c’entriamo nulla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi