ATP Finals: Berrettini ce la fa? Attesa per la scelta del tennista

L’azzurro dovrebbe scendere in capo questa sera

Matteo Berrettini farà di tutto per esserci e per giocare ancora le ATP Finals. Domenica sera (14 novembre) è uscito dal campo in lacrime dopo un primo set alla pari (poi perso) con Alexander Zverev.

Fatale un infortunio, l’ennesimo, che l’ha costretto a malincuore e con il cuore spezzato a dover abbandonare il match davanti al pubblico italiano di Torino (sede delle Finals da quest’anno).

Per lui uno strappo agli addominali, come successo agli Australian Open quando ai quarti non riuscì a scendere in campo contro Tsitsipas.

Leggi anche: L’ultima inchiesta di Report: indagine sulla società di Berrettini

Berrettini non ha intenzione però di rinunciare alle ATP Finals così facilmente e ha chiesto, per il match di oggi, anche uno spostamento di orario per la partita prevista contro il polacco Hurkacz.

L’incontro era previsto per le 14.00 ed è stato spostato alle 21.00 per dare più tempo all’azzurro per decidere sul da farsi.

Nelle ultime ore, intanto, ha anche scritto un messaggio sui social, in cui ha espresso il suo stato d’animo e ha ringraziato tutti per il sostegno.

Intanto, l’azzurro, dalle ultime che arrivano da Torino è arrivato per sottoporsi agli ultimi esami e nelle prossime ore si attende la sua decisione definitiva.

L’azzurro proverà a tutti i costi a esserci ma la sua volontà si scontra inevitabilmente con la natura dell’infortunio, che sembrerebbe comunque meno grave di quello di gennaio.

Nel caso in cui non dovesse farcela, al posto di Berrettini subentrerà un altro azzurro Jannik Sinner, prima riserva della Finals.

Tantissimi, intanto i messaggi di supporto ricevuti da Matteo Berrettini, da Zverev fino al numero uno Djokovic che ieri, vincente, all’esordio, ha detto: “Gli mando un grande abbraccio, posso immaginare come si senta perché questo era un torneo speciale per lui e per tutto il tennis italiano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi