Amici: inedite emozioni per i sei finalisti, la reazione di Marisol e Holden

Amici, dal daytime di mercoledì 15 maggio: nuove emozioni per i sei finalisti. Una speciale sorpresa per la ballerina Marisol e Holden

Amici, oggi è andato in onda su Canale 5 un nuovo appuntamento con il daytime del talent show condotto da Maria De Filippi. I sei finalisti si stanno preparando ad affrontare l’ultimissima puntata ovvero la finale che si terrà sabato 18 maggio in prima serata.

Leggi anche –> Compleanno a Ibiza per un‘ex gieffina, ecco la coppia pronta a partire per festeggiarla

Nuove emozioni per i finalisti…

Dopo Mida, arriva una sorpresa anche per l’unica ballerina finalista. Marisol ritrova la sua insegnante di danza Emily. La giovane ballerina inizia a scartare i primi regali. Il primo indizio è una maglietta con un simbolo del “sole”. Per Marisol c’è un video messaggio da parte del suo fidanzato Petit che dichiara: “Ho scelto questo simbolo perchè rappresenta le nostre due persone, perchè siamo molto solari, allegre e poi fa parte anche del tuo nome. Non c’era seconde me simbolo migliore, il sole è proprio luce. Io penso che tu sia veramente una luce, sorridi sempre. Incontrarti quest’anno per me è stato veramente una fortuna”. Il secondo indizio è una clessidra, e questa volta è proprio il suo papà ad inviargli un messaggio: “Che questa clessidra possa cancellare i piccoli contrasti e le incomprensioni tra noi due. In bocca al lupo”. Il terzo oggetto invece è un olio per messaggi, la nipotina Amelia invia un videomessaggio di auguri a sua zia. Il quarto oggetto invece è una libellula lei collega subito l’oggetto a sua madre: “Mamma mi chiama Mari libellula”, mi ha sempre chiamata così”. La mamma e la sorella Samanta inviano un video saluti alla ballerina per incoraggiarla a resistere questi ultimi giorni da vivere in casetta. Anche Holden viene convocato in studio dove riceve una lettera da parte dei suoi fratelli. Holden dopo aver ascoltato le parole di Jacopo, suo fratello commenta: “E’ molto bello, non so bene cosa dire. Sono il più piccolo, sono cresciuto proprio con loro. Tutti e tre facciamo musica, amiamo l’arte in generale, stiamo tutti e tre abbastanza diversi però siamo tutti e tre uguali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi