Lisa Marie Presley, la figlia di Elvis lascia agli eredi milioni di debiti | L’indiscrezione

Lisa Marie Presley ha lasciato tre milioni di dollari di debiti. Ecco cosa è emerso dopo la sua morte avvenuta pochi giorni fa

Lisa Marie Presley è venuta a mancare pochi giorni fa lo scorso 12 gennaio negli Stati Uniti. La nota cantante fu trasportata d’urgenza in ospedale per un infarto. La notizia ha scosso tutti i suoi fan, Lisa Marie è la figlia del cantante Elvis Presley e dell’attrice Priscilla Presley. La cantante il 26 maggio 1994 sposò Michael Jackson.
A soli 54 anni Lisa Marie si è spenta per un apparente arresto cardiaco. La cantante e figlia di Elvis aveva accumulato una quantità di debiti tra cui un milione in tasse arretrate. L’artista aveva seguito le orme di papà Elvis diventando un affermata cantante. Moltissimi singoli e album di Lisa Marie hanno conquistato il cuore di milioni di fan in tutto il mondo.

Leggi anche –> Amicizia naufragata tra Nikita Pelizon e George? Antonella indaga: ecco cosa ha scoperto

L’indiscrezione

Come riporta il Corriere della Sera, è stato il sito RadarOnLine, a rivelare inediti dettagli sull’eredità, la nota cantante ha lasciato tre milioni di dollari di debiti, fra cui un milione in tasse arretrate, ai suoi eredi. L’eredità dell’amata Lisa Marie riguardano la figlia maggiore Riley (avuta dal primo marito Danny Keough) e alle gemelle Harper Vivienne e Finley (nate dal matrimonio numero quattro con Michael Lockwood, finito nel 2016). La cantante pare non aver pagato per anni il mantenimento delle figlie, poichè le sue finanze erano in cattivo stato e dunque non glielo permettevano. Questa notizia è trapelata proprio grazie ai documenti depositati in tribunale a fine novembre nella causa di divorzio fra la Presley e Lockwood. Solo negli ultimi mesi Lisa Marie aveva raggiunto un accordo con l’ex marito in cui avrebbe accettato di pagare all’ex marito 6.000 dollari al mese per le figlie, Harper e Finley.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *