Partita del Cuore, la difesa di Ramazzotti: “Non siamo sessisti” e rinuncia al match

Lo ha scritto in un post Instagram

Dopo che è diventata virale la denuncia di Aurora Leone dei The Jackal iniziano ad arrivare le prime reazioni da parte della Nazionale Cantanti rea, attraverso il suo organizzatore di aver cacciato la ragazza dal tavolo della cena.

Se la Nazionale ha fatto una stories, poi cancellata, tanti sono i messaggi di solidarietà che stanno arrivando da Fedez a Francesco Facchinetti.

Poi è intervenuto con un post Instagram anche uno dei “giocatori”,  Eros Ramazzotti.

Ciao a tutti. Noi della NIC ( Nazionale italiana cantanti)
Non siamo stati coinvolti direttamente nella vicenda scaturita dal comportamento di due persone dello staff. Stavamo parlando tra di noi mentre cenavamo, abbiamo sentito delle voci alzarsi senza capire cosa stesse succedendo. Io ho provato a recuperare la situazione che era oramai precipitata. Domani mattina avremo un incontro con Aurora e Ciro per spiegare meglio la dinamica dell’avvenimento e scusarci pubblicamente dell’accaduto.
NOI NON SIAMO SESSISTI e tantomeno RAZZISTI o OMOFOBI, anzi, ognuno fa qualcosa per chi ha bisogno ( da anni e in tempi non sospetti) sinceramente per un comportamento incauto di due persone dello staff, non possiamo passare per quello che non siamo.
W sempre la solidarietà
W le donne che sono parte fondamentale della nostra vita.

A denunciare l’episodio Aurora Leone e Ciro Priello sui loro profili social dopo che la notizia era stata lanciata in anteprima da FanPage.

Leggi anche: “La Partita del Cuore”: Aurora Leone cacciata perché donna

Dopo il post ne è arrivato un secondo in cui ha annunciato il suo ritiro dal match.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *