Domenica Live, Filippo Nardi e il confronto con Guenda Goria

L’ex Iena ha definito la sua squalifica un’ingiustizia nel corso di un’intervista e poi ha ringraziato Barbara D’Urso per avergli dato il diritto di replica a Domenica Live

La sua permanenza nella casa di Cinecittà è stata molto breve. Infatti l’ex Iene e ora ex gieffino vip, Filippo Nardi, è stato squalificato dal reality per le frasi offensive che ha riservato a Maria Teresa Ruta e ad alcune altre donne del programma in onda su Canale 5.

Mi scuso per la mia volgarità, non ho mai detto una cosa per ferire. C’è stato un eccesso di goliardia e volgarità”, ha cominciato così il suo discorso Filippo a Domenica Live durante la sua prima apparizione televisiva dopo la squalifica dal GF Vip. In studio oltre agli opinionisti anche Guenda Goria con la quale si è confrontato. “Io ti ho attaccato tantissimo. Ho sofferto quando hai detto quelle cose su mamma. Da donna mi sono incavolata, io non voglio più sentire questo tipo di linguaggio sulle donne. Non voglio attaccare te ma il linguaggio. Quando tu hai pronunciato quelle frasi, nessuno si è indignato”. “Quando è stato legato il mio nome alla violenza, a me non va bene”, ha replicato Filippo Nardi, che intervistato da Il Giornale  ha definito la sua squalifica un’ingiustizia e ha definito i suoi ex compagni d’avventura dei complici. Ecco le sue parole nel corso dell’intervista:

Sono stati usati contro di me tanti aggettivi – sessista, violento e misogino – che non mi appartengono nel modo più assoluto. Provo infatti solo tanta amarezza e dispiacere perché ciò che ho detto è stato totalmente decontestualizzato. Se ho fatto battute da caserma – come anche quella della tea bag – era perché c’è stata un’escalation del discorso che mi ha portato a ciò con l’approvazione degli altri. Nelle mie battute non c’era rabbia o intento di ferire, semplicemente volevo strappare una risata. Allo stesso modo non ho mai preso di mira nessuno. Si trattava solo di battute goliardiche che hanno visto la complicità anchedegli altri concorrenti – persino della stessa Maria TeresaRuta. E poi diciamocelo: nessuno si è mai offeso o lamentato, così come alcune presunte battute non sono mai state incluse nei montaggi. Questa è la prova che tutto ciò che ho fatto o detto era in buona fede. Eppure, sono stato squalificato.

L’ex concorrente ha anche aggiunto che avrebbe sperato in una punizione al osto della squalifica, tipo fargli fare da maggiordomo a Maria Teresa per un’intera settimana. E poi ha aggiunto: Sinceramente credo che non vogliano concedermi il diritto di replica. L’unica soddisfazione che per il momento ho ricevuto è stata la chiamata di alcuni ex concorrenti – in particolare Giacomo Urtis e Sonia Lorenzini – che mi hanno confessato il loro dispiacere per la mia squalifica, in quanto mi hanno conosciuto per la persona che sono veramente e che non ha niente in comune per come sono stato dipinto.

E poi ha raccontato del danno di immagine che ne è derivato e cosa ancor più grave delle minacce di morte che suo figlio avrebbe ricevuto sui social: “È tutt’altro che facile. Sono stati infatti legati al mio nome aggettivi che non mi rispecchiano creandomi così un danno di immagine non indifferente – chi mi conosce davvero sa quanto sono approcciabile e empatico. Senza parlare che ne ha risentito anche la mia famiglia, tanto che mio figlio ha ricevuto minacce di morte sui social. Ma stiamo scherzando?!?”.

Intanto dopo il programma Domenica Live a cui Nardi ha partecipato, arrivano i ringraziamenti a Barbara D’Urso per avergli dato il diritto di replica: Vado verso il mio destino a @domenicalive !? Vorrei ringraziare di nuovo Barbara D’Urso per avermi dato il diritto di replica per porre fine a questa gogna mediatica. Mi sono scusato, spiegato e replicato e adesso la vita va avanti. Siate sempre voi stessi e camminate a testa alta! Grazie a tutti loro che mi hanno sostenuto, ha scritto pochi minuti fa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Filippo Nardi (@filipponardiofficial)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *