Wimbledon: tra total white e fragole: le tradizioni del torneo di tennis

Wimbledon

È iniziata oggi la terza prova dello Slam

È partita oggi la terza prova dello Slam di tennis: Wimbledon. Il torneo più blasonato e prestigioso del mondo comincia con Jannik Sinner numero uno al mondo e favorito per la vittoria finale.

Racchette e diritti a parte Wimbledon è forse il torneo più sacro di tutti. A partire pr il dress code. Tutti possono indossare o meglio devono completi bianchi.

Il total white è il dress code obbligatorio. Una tradizione nata nel 1877 con la prima edizione del torneo.

In quell’anno isoci dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club organizzarono il primo torneo di tennis. La terza prova Slam è all’insegna dell’eleganza e del lusso. Il bianco non è un colore volontario ma è obbligatorio, pensa multe e richiami.

Basti pensare che nel 2014 è stato precisato come dovessero essere bianche pure le suole delle scarpe dopo che Federer, un anno prima, aveva indossato delle suole colorate.

Da un anno è stata concessa solo una deterge che riguarda le donne. Quando infatti le tenniste hanno il periodo mestruale possono indossare biancheria sportiva scura per evitare che ci siano macchie o si crei imbarazzo.
Tra le altre tradizioni di Wimbledon anche quella di un dessert: panna e fragola. La coppa con i due ingredienti è un must.
Inoltre accanto al dolce si è unito anche il bicchiere di Pimm’s, celebre drink apprezzato dagli inglesi

Leggi anche: Tennis, perché a Wimbledon c’è il coprifuoco?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *