Vera Slepoj è morta, fatale un malore improvviso per la nota psicologa

Vera Slepoj è morta, fatale un malore improvviso per la nota psicologa

Vera Slepoj è morta, fatale un malore improvviso per la nota psicologa avvenuto nella sua abitazione. Aveva 70 anni

La psicologa e scrittrice, conosciuta anche per la sua presenza in televisione, si è spenta nella notte tra il 20 e il 21 giugno 2024, all’età di 70 anni.

Secondo le prime informazioni, un malore improvviso sarebbe la causa del decesso. I soccorsi, giunti prontamente sul posto, non hanno potuto fare nulla per salvarla.

Vera Slepoj, nata a Portogruaro il 3 maggio 1954, era una figura di spicco nel panorama psicologico italiano. Ha dedicato la sua vita all’esplorazione della dimensione affettiva dell’essere umano, scrivendo numerosi libri e partecipando a diverse trasmissioni televisive.

Era stata inoltre presidente della Federazione Italiana Psicologi e dell’International Health Observatory. “Una perdita non solo per la comunità scientifica – ha commentato il sindaco di Padova, Sergio Giordani – ma anche per la città, dove lei, originaria di Portogruaro, aveva scelto di vivere dopo la laurea nella nostra Università”.

Leggi anche: Caso bracciante agricolo morto, un testimone inchioda il datore di lavoro

A ricordarla è anche il ministro della Cultura Sangiuliano: “Apprendo con grande dolore la notizia della scomparsa di Vera Slepoj. Una donna coraggiosa, una studiosa e psicologa di valore, una scrittrice e opinionista che ha saputo indagare con profondità e arguzia l’animo umano e la nostra società. Avendone apprezzato le doti e la sua sensibilità culturale, le chiesi di far parte del Consiglio superiore del cinema e dell’audiovisivo del Mic. Mancherà molto al suo Veneto e all’Italia intera”.

Tra le sue opere più conosciute ricordiamo “Capire i sentimenti” (1980), “Le emozioni: come riconoscerle e gestirle” (1995), “Donne: istruzioni per l’uso” (2001), “L’amore ai tempi del web” (2010). Vera Slepoj era una professionista stimata e una donna dal cuore grande. Mancherà a tutti coloro che l’hanno conosciuta e apprezzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *