Tensioni tra Chiara Ferragni e sua mamma? “Chiudono gli uffici”

Con un lunghissimo editoriale su Twitter, Gabriele Parpiglia ha svelato che ci sarebbero tensioni tra Chiara Ferragni e sua mamma Cristina Di Guardo 

Un lunghissimo editoriale scritto da Gabriele Parpiglia su twitter parla delle tensioni tra Chiara Ferragni e sua mamma Cristina Di Guardo. “Crolla il mondo intorno e dentro ‘Chiara Ferragni brand’. Dopo aver dato la notizia della chiusura di alcuni negozi con marchi in concessione (da nord a sud dell’Italia, non solo quello centrale a Milano); arrivano i primi licenziamenti e gli uffici svuotati dove lavorano o meglio lavoravano i dipendenti legati alle società della Ferragni dove oggi non c’è più Fabio Maria Damato ma la madre Marina Di Guardo che sta gestendo attività soprattutto a livello finanziario. Che cosa sta succedendo ?”.

A corredo dell’editoriale, il giornalista ha pubblicato una foto che rtrae l’ufficio milanese di Chiara Ferragni e ha spiegato:  “Quello che vedete nella foto è una stanza di uno degli uffici che stanno chiudendo di Chiara Ferragni collection ovvero dove c’è chi lavora per le attività legate allo sviluppo del prodotto legate alle società (i licenziamenti passano anche da Tbs e non solo, ndr). Alcune stanze sono state date in affitto, altre chiuse. E arrivano i primi licenziamenti “eccellenti” come l’allontanamento della direttrice della comunicazione”.

Leggi anche–> Tony Effe interviene sul flirt con Giulia De Lellis: ecco cosa ha detto

Poi il giornalista parla delle tensioni tra madre e figlia: “Chiara Ferragni come sta vivendo questo momento? Ci sarebbe una forte tensione tra la Ferragni e la madre Marina. La causa sarebbe l’assenza sul lavoro della prima, i continui weekend e, badate bene, una storia d’amore della Ferragni con un manager più grande destinatario delle dediche social. Nome che non può esser svelato e situazione che preoccupa la signora Di Guardo”.

E infine Parpiglia aggiunge: “Che succede a chi è rimasto senza lavoro? Chi ha acquistato la licenza o chi lavora per negozi del brand si trova purtroppo dinanzi due strade: la chiusura o la merce messa in vendita con sconti fino al 70 percento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *