Sinner – Berrettini è stato un inno allo sport italiano

Sinner - Berrettini

Al secondo turno di Wimbledon ha vinto in quattro set l’altoatesino

Mancava solo l’inno di Mameli e poi l’incontrò tra Sinner e Berrettini sarebbe sembrato davvero solo un affare made in Italy.

Sull’erba del centrale di Wimbledon è andato in scena un crudele secondo turno che sarebbe potuto benissimo essere un match da seconda settimana di uno Slam.

I favori del pronostici erano tutti per Jannik Sinner, numero uno al Mondo. Sinner ha sì vinto, in quattro set ma ha faticato e non poco, venendo fuori, nei momenti no, con i colpi del campione.

Nessuno, nemmeno lo stesso Berrettini si sarebbe aspettato una tenuta fisica e mentale così. Alla fine del match, i due si sono abbracciati e consolati a vicenda.

In campo, è vero, non esistono amici, ma fuori, appena l’ultimo 15 scatta si annulla ogni rivalità. L’Italia, grazie a due campioni del genere, ne esce a testa alta dopo le delusioni dell’Europeo di Calcio.

Un ulteriore remainder, se necessario, per capire che oltre il pallone che tanto appassiona gli italiani, ci sono sport e movimento floridi e che fanno sognare.

Peccato solo questa sfida sia avvenuta così presto, ma anche questo è il tennis, con il sorteggio che avviene in base al proprio ranking.

Leggi anche: Wimbledon, è già derby Berrettini – Sinner

Gli infortuni e i problemi degli ultimi anni hanno fatto precipitare la classifica di Berrettini, che è stato anche in top 10.

Ora, quindi, tutti gli occhi saranno comunque su Sinner, che tutti sperano possa raggiungere proprio il romano diventando il secondo italiano di sempre in finale a Londra.

A fine match poi il romano ha detto a UbiTennis: “Esco a testa alta contro il numero 1 del mondo. Contro il giocatore che ha perso poche partite quest’anno, sul campo centrale di Wimbledon e con milioni di persone e di italiani che ci guardavano. Queste cose mi rendono molto orgoglioso. Magari ci sarei voluto arrivare in condizioni diverse, però, detto questo, è una di quelle partite che fra vent’anni ricorderò con il sorriso.

Ph. Credit: IG ITALIA TEAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *