Scomparsa Francesca Deidda, trovate tracce di sangue ed effetti personali

Femminicidio Francesca Deidda, individuato il movente del delitto

Scomparsa Francesca Deidda, trovate tracce di sangue ed effetti personali. I Ris a lavoro per ritrovare il corpo

Sono fitte le indagini e le ricerche per trovare il corpo di Francesca Deidda, la donna scomparsa in Sardegna dallo scorso 30 maggio. I carabinieri sono certi che la donna non sia più in vita e che per la cui scomparsa è responsabile il marito Igor Sollai, autotrasportatore di 43 anni, attualmente in carcere con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere.

Le ricerche dei Ris sono in coso in un’area recintata a ridosso della vecchia statale 125 Orientale sarda, nel versante a monte, tra le rocce, nel tratto fra l’arco dell’Angelo e il ponte romano, nel comune di Sinnai. Il ritrovamento della donna potrebbe avvenire a momenti, già sono stati rinvenuti un beauty case, un apparecchio e alcuni indumenti, pare una felpa e un accappatoio, in cui sarebbero state rinvenute tracce ematiche.

Si indaga anche sul movente del presunto delitto. A quanto si apprende, Sollai aveva una relazione con un’altra donna, ma della separazione con Francesca temeva forse la perdita della casa che condivideva con l’ex moglie. L’uomo continua a sostenere di essere estraneo alla vicenda e a dirsi innocente. Sollai ripete che la moglie si è allontanata volontariamente: “Voleva prendersi un periodo di riflessione”, ha detto agli inquirenti.

Leggi anche: Femminicidio Francesca Deidda, individuato il movente del delitto

Ma molte sono le incongruenze nelle sue dichiarazioni e si teme il pericolo di fuga, l’uomo infatti ha parenti in Olanda e ultimamente avrebbe avuto ripetuti contatti con loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *