Scomparsa di Kata, sopralluogo all’ex albergo Astor con i genitori

Firenze, si cerca ancora Kata. La madre ha tentato il suicidio

Scomparsa di Kata, sopralluogo all’ex albergo Astor con i genitori e il consulente della famiglia, l’ex generale Garofalo

Alle 10:30 di oggi, 20 settembre, è iniziato un nuovo sopralluogo nell’immobile che ospitava l’ex hotel Astor, da cui il 10 giugno scorso è scomparsa Kata, la bimba peruviana di 5 anni. Ad assisteste al sopralluogo anche la mamma di Kata, Kathrine Alvarez, e il padre insieme ai loro legali e all’ex generale del Ris Luciano Garofano, nominato consulente dai legali dei genitori della piccola.

Poco prima di entrare nella struttura, ai giornalisti presenti sul posto Luciano Garofano ha dichiarato: «si entra oggi insieme alla mamma e al papà per avere delle indicazioni visto che quando abbiamo fatto il sopralluogo, la mamma e il papà non sono stati autorizzati quindi conoscendo bene la disposizione delle stanze, quelli che erano i movimenti all’interno, possono darci delle informazioni importanti. Questo è quello che oggi noi faremo».

Il generale Garofalo ha detto di aspettarsi di trovare ulteriori elementi utili per gli investigatori, «per questo noi entriamo e rifletteremo insieme a loro», ovvero ai genitori di Kata. Garofano ha poi precisato di non avere «il potere di cercare tracce o alterare la scena di un ipotetico crimine. Noi non abbiamo questo potere, lo farà la polizia giudiziaria, noi possiamo riflettere insieme alla mamma rispetto a un evento sul quale la mamma per la conoscenza dei movimenti di Kata, dei parenti e delle persone che abitavano all’interno possono darci delle indicazioni su quello che rimane un mistero: è uscita, non è uscita, è ancora lì dentro. Da questo punto di vista valuteremo queste riflessioni».

Leggi anche: Infermiera uccisa in Spagna dal compagno, si era trasferita per amore

Nella prossima settimana i reparti specializzati dei Carabinieri torneranno per operazioni di scavo, carotaggio nella struttura, mentre si attendono gli esiti delle analisi del materiale biologico già rilevato, al fine di scoprire gli eventuali spostamenti della bambina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.