Rsa e case di riposo irregolari, 152 le strutture scoperte dai Nas

Agguato di Alatri, il padre di Thomas: «Era solo una lite tra ragazzini, poi hanno assoldato un killer"

Rsa e case di riposo irregolari, 152 le strutture scoperte dai Nas. Sei delle quali sono state poste sotto sequestro

In seguito ai controlli in occasione delle festività nataliziei Carabinieri Nas hanno individuato 152 strutture irregolari.

A riportare la notizia nel dettaglio è l’Agenzia Dire, che parla dei controlli effettuati presso le “strutture ricettive dedicate all’ospitalità di persone anziane e/o portatrici di disabilità, quali le residenze sanitarie assistite (Rsa) e le case di riposo”.

Le operazioni di controllo vengono intensificate in questo periodo proprio perché si registra “un aumento della domanda di ospitalità di persone anziane presso strutture ricettive, a cui non sempre corrisponde il mantenimento del livello assistenziale, sia in termini di numero di operatori, anche connesso con il godimento di ferie del periodo festivo, che di qualità del servizio fornito”.

Il controllo ha interessato l’intero territorio nazionale, d’intesa con il ministero della Salute. Sotto l’occhio delle autorità 607 attività socio-sanitarie ed assistenziali.

Leggi anche: Usa, sparatoria nello Utah, sterminata una famiglia

Sempre l’Agenzia Dire, informa che “nel corso delle verifiche sono state individuate 152 strutture irregolari, tra Rsa, case di riposo, comunità alloggio e case famiglia, pari al 25%, sanzionando 27 persone per violazioni penali e 133 per illeciti amministrativi, per complessivi 167 mila euro, riconducibili a carenze igienico/strutturali ed autorizzative, presenza di un numero superiore di anziani rispetto alla capienza autorizzata, dispositivi medici e farmaci scaduti di validità, irregolarità nella gestione degli stupefacenti, alimenti in cattivo stato di conservazione”.

Infine, il controlli hanno condotto alla “chiusura di 6 strutture ricettive, risultate abusive o deficitarie in materia sanitaria e assistenziale, determinando l’immediato trasferimento degli anziani presenti presso le famiglie di origine o altre strutture idonee presenti nel territorio”.

Fonte immagine: https://twitter.com/_Carabinieri_/status/1610933591281700865/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *