Rissa alla Camera declassata a “disordini”, l’ira dell’opposizione

Rissa alla Camera declassata a disordini, l'ira dell'opposizione

Rissa alla Camera declassata a “disordini”, l’ira dell’opposizione: “È evidente quello che è avvenuto, una aggressione”

La rissa che ieri si è scatenata alla Camera e che ha visto coinvolti su tutti i deputati Donno e Iezzi sembra continuare a tenere banco con le opposizioni che hanno denunciato quanto indicato all’interno del verbale di seduta.

La rissa, di fatto, è stata derubricata a dei “disordini”, cosa che ha scatenato l’ira delle opposizioni. “Ovviamente quello che è successo ieri non è sintetizzabile nel verbale con la parole disordini: il combinato disposto soprattutto riguardo l’ultima fase della seduta è una aggressione. E’ una questione di chiarezza tra di noi”, sono le parole del deputato del Pd, Federico Fornaro.

“È evidente – ha aggiunto Fornaro – quello che è avvenuto, una aggressione. Poi ci saranno le questioni di carattere disciplinare, ma non può rimanere agli atti disordini, c’è stata una aggressione nei confronti di un deputato. E’ una questione di chiarezza tra di noi, non può essere che nel processo verbale non sia certificato quello che è avvenuto”.

Leggi anche: Autonomia, rissa alla Camera, aggredito Donno: “ho preso un pugno”

“Alla Camera non c’è stata una rissa, ci troviamo di fronte a un’aggressione premeditata da parte della destra alle prerogative delle opposizioni, non tutti sono uguali in questa notte della democrazia”, ha aggiunto Arturo Scotto. “Non sono stati disordini ma un’aggressione squadrista”, ha detto Marco Pellegrini di M5s. “Dalla citazione della X Mas alle aggressioni il passo è stato breve e non si può dire che il deputato Donno ha aggredito Calderoli. Saranno le immagini a dire chi ha fatto un’aggressione ad un deputato inerme che era stato bloccato dai commessi”, ha aggiunto facendo riferimento al gesto compiuto dal leghista Domenico Furgiuele che ieri aveva fatto il segno della Decima Mas rivolto alle opposizioni.

Mentre si discute ancora sulle intenzioni e su chi abbia partecipato alla bagarre, il deputato Donno ha comunque anticipato l’intenzione di denunciare i suoi aggressori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *