Palermo, ragazzini si appartano. Sparatoria dopo essere stati scoperti

Palermo, ragazzini si appartano. Sparatoria dopo essere stati scoperti

Palermo, ragazzini si appartano. Sparatoria dopo essere stati scoperti dai familiari appartenenti a fazioni in contrasto tra loro

E’ accaduto a Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo, nella notte tra l’8 e il 9 gennaio che un uomo di 52 anni è rimasto coinvolto in una lite con altre persone, poi degenerata in sparatoria.

Al centro della vicenda ci sarebbe una giovane coppia di fidanzatini, che si erano appartati. La colpa è di appartenere a due famiglie in conflitto tra di loro. Lo zio dalla ragazza avrebbe colto i due ragazzi sul fatto e avrebbe insultato pesantemente il ragazzo.

Il giovane ha così chiamato il padre e altri partenti, innescando una lite, poi degenerata in sparatoria. Uno dei parenti coinvolto nella lite avrebbe estratto un’arma, esplodendo alcuni colpi. Il bilancio finale è di due feriti, padre e figlio di 44 e 17 anni, poi trasportati all’ospedale Civico. Non sarebbero in pericolo di vita.

Leggi anche: TRIESTE, 17ENNE UCCISO PER GELOSIA. LE PAROLE DEL PADRE

Ad intervenire sono stati i carabinieri della compagnia di Misilmeri, che dopo gli accertamenti del caso hanno trovato l’arma che presentava la matricola abrasa, insieme a dieci proiettili calibro 22.

Il 52enne aveva anche certato di disfarsi dell’arma. Arrestato dai militari, deve rispondere di detenzione illegale di arma clandestina e munizionamento.

Fonte immagine: https://twitter.com/_Carabinieri_/status/1480441779656830980/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *