Omicidio Cecchettin, Turetta rinuncia all’udienza preliminare

Turetta

Era fissata davanti al gup il 16 e il 18 luglio

Filippo Turetta rinuncia all’udienza preliminare davanti al gup prevista il 16 e 18 luglio prossimi e accetta di andare direttamente a processo in Assise per l’omicidio di Giulia Cecchettin.

Ad annunciarlo all’ANSA il suo avvocato difensore, il prof Giovanni Caruso.

La scelta: “consegue ad un percorso di maturazione personale del gravissimo delitto commesso e alla volontà che la giustizia faccia il proprio corso nei tempi più rapidi possibili e nell’interesse di tutti”.

Si rende conto come non verrà chiesta nemmeno la perizia psichiatrica.

L’avvocato Caruso ha poi spiegato: “Non è intenzione della difesa, né di Filippo Turetta, contrariamente a quanto preannunciato senza titolo e a sproposito dalla grancassa mediatico-giudiziaria chiedere che l’imputato venga sottoposto a perizia psichiatrica”.

Poi il legale ha anche aggiunto che la comunicazione: “è giustificata al solo fine di prevenire possibili speculazioni, e i processi alle intenzioni in ordine alle scelte difensive. Filippo Turetta, esercitando il diritto previsto dall’art. 419 co. 5 del c.p.p., ha deciso, d’intesa con i suoi difensori, di rinunciare all’udienza preliminare già fissata per le date del 15 e 18 luglio prossimi”.

Leggi anche: Giulia Cecchettin a Filippo Turetta: “sei uno psicopatico. Mi stai facendo paura”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *