Omicidio Carol Maltesi, l’assassino aggredito in carcere

Carol Maltesi,

Omicidio Carol Maltesi, l’assassino aggredito in carcere. Per lui si è reso necessario il trasferimento a Pavia

Davide Fontana, condannato a 30 anni per l’omicidio di Carol Maltesi è stato trasferito dal penitenziario di Busto Arsizio, dove era detenuto, a quello di Pavia nel reparto di alta sicurezza. Il motivo è legato all’aggressione che l’uomo ha subito all’interno della sua cella. Fontana ha riportato una serie di ecchimosi alla testa, procurategli dal suo compagno di cella.

Secondo quanto riportato da Tgcom24:  “È stato lo stesso Davide Fontana a dare l’allarme nel cuore della notte. Stava dormendo quando un suo compagno di cella lo ha aggredito a colpi di penna sulla testa procurandogli delle ecchimosi. Immediato l’intervento delle guardie carcerarie che hanno subito portato Fontana in infermeria”.

Leggi anche: Morte Sofia Castelli, spunta il movente dell’omicidio

La sentenza di condanna a 30 anni e non l’ergastolo chiesto dall’accusa ha fatto molto discutere e sarà stato questo il motivo alla base dell’aggressione, ovvero una forma di punizione per il reato commesso. Per questo motivo il 44enne. ex bancario e food blogger. è stato trasferito nel reparto “protetti” del carcere di Pavia che ospita altri “sex offender”, ovvero detenuti per reati simili a quelli compiuti da Fontana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.