Olindo e Rosa, attesa per la sentenza di revisione del processo

Strage di Erba, al via il processo di revisione. Azouz Marzouk Olindo e Rosa innocenti

Olindo e Rosa, attesa per la sentenza di revisione del processo sulla strage di Erba. Ecco lo scenario possibile

È un giorno cruciale per Olindo Romano e Rosa Bazzi, i coniugi condannati all’ergastolo per la strage di Erba del 2006. Oggi la Corte d’Appello di Brescia dovrà decidere sulla loro istanza di revisione del processo, presentata nel 2022.

Olindo Romano e Rosa Bazzi sono stati condannati in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio di Raffaella Castagna, suo figlio di due anni Youssef Marzouk, la madre di Raffaella Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. I fatti si svolsero l’11 dicembre 2006 ad Erba, in provincia di Como.

La difesa dei coniugi Romano e Bazzi ha presentato una istanza di revisione del processo basandosi su alcune “nuove prove” emerse negli ultimi anni. Tra queste, la testimonianza di un uomo che sostiene di aver visto la sera della strage un’altra persona allontanarsi dalla villetta di Via Diaz, dove avvennero gli omicidi.

La Corte d’Appello di Brescia potrebbe oggi:

  • Dichiarare inammissibile l’istanza di revisione, confermando così la condanna all’ergastolo per Romano e Bazzi.
  • Disporre nuove perizie o accertamenti sulle “nuove prove” presentate dalla difesa. In questo caso, si aprirebbe un nuovo processo per i coniugi Romano e Bazzi.
  • Rinviare la decisione ad un’altra data.

Leggi anche: Filippo Turetta: “o ci laureiamo insieme o la vita è finita per entrambi”

L’attesa per la decisione della Corte d’Appello è molto forte, sia da parte dei familiari delle vittime che da parte dei sostenitori di Romano e Bazzi. I legali dei coniugi si sono detti fiduciosi di un’assoluzione, mentre la procura generale ha espresso la propria contrarietà alla revisione del processo.

È importante ricordare che Olindo Romano e Rosa Bazzi sono stati condannati in via definitiva per la strage di Erba. La revisione del processo è un mezzo straordinario di impugnazione che consente di riaprire un caso già giudicato solo in presenza di nuove prove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *