Morte Serena Mollicone, “prima strattonata e picchiata e poi soffocata”

Serena Mollicone

Morte Serena Mollicone, “prima strattonata e picchiata e poi soffocata”. A dirlo è la perizia del medico legale Cristina Cattaneo

Nel corso dell’udienza del processo per la morte di Serena Mollicone sono emersi i dettagli sulla causa della morte della studentessa di Arce (Frosinone) morta in circostanze mai del tutto chiarite il primo giugno 2001. Il suo corpo fu ritrovato due giorni dopo in un boschetto ad Anitrella.

A vent’anni dai fatti la professoressa Cristina Cattaneo, l’anatomopatologa del Labanof di Milano, incaricata di analizzare i resti della giovane dopo la riesumazione nel 2016, ha fatto chiarezza su cosa è accaduto alla giovane.

Secondo la specialista ci sarebbe una «compatibilità ottimale tra il cranio di Serena Mollicone e la porta della caserma dei carabinieri di Arce contro cui sarebbe stata fatta sbattere». Inoltre, Cattaneo ha dichiarato di aver rilevato “ecchimosi e contusioni avvenute quando c’era attività vitale”.

Leggi anche: VERTICE CENTRODESTRA, BERLUSCONI SCIOGLIERÀ LA RISERVA

Il fatto quotidiano aggiunge altri dettagli della relazione presentata dalla professoressa: “Lo zigomo e la fronte sinistra di Serena si adagiano in maniera completa con il danno rilevato sulla porta. L’incastro replica perfettamente quella che è l’arcata sopraccigliare con la parte più profonda del danno rilevato sulla porta”. “Una ipotesi molto probabile – ha detto sempre la Cattaneo – che il trauma cranico abbia provocato uno stordimento e poi la morte sia giunta per asfissia meccanica”, ovvero per il sacchetto di plastica infilato in testa “ma non abbiamo elementi per dirlo con certezza”.

Nel processo sono imputati il maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, ex comandante della stazione di Arce, la moglie Anna Maria, il figlio Marco. Tutti sono accusati di omicidio aggravato e occultamento di cadavere.

Inoltre, sono imputati il maresciallo Vincenzo Quatrale per concorso in omicidio volontario e istigazione al suicidio del brigadiere Tuzi e l’appuntato Francesco Suprano, il quale è accusato di favoreggiamento in omicidio volontario.

Fonte immagine: https://twitter.com/QdSit/status/1484552488405684225/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *