Matteo Bassetti alle strette: i colleghi chiedono un procedimento disciplinare

Bassetti

La richiesta è arrivata al presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Genova

Matteo Bassetti tra i più fervidi sostenitori di vaccini e cure anti covid ora rischia. Alcuni colleghi, ben 123 medici, hanno chiesto con una lettera mandata al prof. Alessandro Bonsignore, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Genova provvedimenti,

Si chiede che Bassetti, a oggi direttore della clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova venga «sottoposto a procedimento disciplinare dall’Ordine Professionale».

I colleghi sostengono che abbia commesso una serie di violazioni: «A partire dal primo paragrafo del giuramento per cui il medico deve esercitare la professione in autonomia di giudizio e responsabilità di comportamento, contrastando ogni indebito condizionamento che limiti la libertà e l’indipendenza della professione e di curare ogni paziente con scrupolo e impegno, senza discriminazione alcuna, promuovendo l’eliminazione di ogni forma di diseguaglianza nella tutela della salute».

E poi si dice che avrebbe attaccato «colleghi che volevano informare i loro pazienti sui vantaggi e svantaggi della inoculazione definendoli cattivi maestri» e l’aver «insultato i colleghi che in scienza e coscienza trattavano i loro pazienti con farmaci tradizionali (antinfiammatori, idrossiclorochina, cortisonici, eparina) poi rivelatesi estremamente efficaci alla pari di stregoni, esaltando allo stesso tempo le linee guida ministeriali (paracetamolo e vigile attesa) violando il principio che obbliga un medico a non farsi condizionare dalla burocrazia o da conflitti d’interesse».

Leggi anche: Matteo Bassetti dovrà risarcire gli eredi di Luc Montagnier

Accuse mosse da una serie di medici vicini ai pensieri No Vax. Tra le accuse anche quella di aver «prestato la propria immagine per pubblicità non di natura sanitaria ledendo il decoro dovuto alla figura del medico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.