La variante Omicron come è nata? L’ipotesi degli scienziati

La variante Omicron come è nata L'ipotesi degli scienziati

La variante Omicron come è nata? L’ipotesi degli scienziati riguarda un salto di specie dai topi agli umani

La variante Omicron è attualmente dominante in ogni parte del mondo. La sua altissima capacità di trasmissione sta facendo registrare una impennata di contagi. Gli scienziati sono al lavoro per comprendere l’origine della variante.

Ansa Salute riporta il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Genetics and Genomics e che ha studiato 45 mutazioni di Omicron e condotto  dai ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze.

Leggi anche: COVID-19, IN SVIZZERA SI STUDIA IL VACCINO ATTRAVERSO UN CEROTTO

“I nostri risultati – dicono i ricercatori cinesi – suggeriscono che il progenitore di Omicron è passato dall’uomo ai topi, ha accumulato rapidamente mutazioni favorevoli all’infezione di quell’ospite, quindi è tornato negli esseri umani, indicando una traiettoria evolutiva interspecie per l’epidemia di Omicron”.

Dunque, la variante Omicron sarebbe nata in seguito ad “uno spillback, cioè un ritorno del virus SarsCov2 dai topi agli esseri umani, ad aver fatto accumulare rapidamente molte mutazioni alla variante Omicron“.

Fonte immagine: <a href=’https://it.freepik.com/foto/donna’>Donna foto creata da freepik – it.freepik.com</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *